Il principio dello Ius soli nello Statuto del Comune di Bologna, il 20 novembre sarà la Festa della cittadinanza

Ultime notizie

CONDIVIDI

di Redazione Bologna

La Giunta ha approvato questa mattina un calendario di momenti pubblici per promuovere il riconoscimento della cittadinanza onoraria per i minori stranieri residenti a Bologna, nati in Italia da genitori stranieri regolarmente soggiornanti o nati all’estero, ma che abbiano completato almeno un ciclo scolastico o di formazione italiano. Ieri sera infatti il Consiglio comunale ha votato a favore della deliberazione di modifica dello Statuto comunale con la quale si introduce il riconoscimento della cittadinanza onoraria per i minori stranieri e il riferimento al principio dello Ius soli.

La delibera della Giunta istituisce per il 20 novembre, in concomitanza con la “Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza”, una Festa della cittadinanza per promuovere nelle scuole la riflessione sul tema in modo trasversale dedicando ore di didattica all’approfondimento e alla sensibilizzazione su cosa significhi essere cittadino, quali sono i diritti e quali i doveri.

Inoltre il 17 marzo, Giornata Nazionale della Costituzione e dell’Inno e della Bandiera, e nel periodo delle celebrazioni del 2 Giugno si svolgeranno le cerimonie durante le quali coloro che acquisiscono la cittadinanza riceveranno una copia della Costituzione Italiana, un Kit di Cittadinanza e un attestato personalizzato a ricordo della giornata, consegnati dal Sindaco o un suo rappresentante.

Allo stesso tempo, verrà realizzato un percorso di consapevolezza sociale rivolto ai minori stranieri residenti nel Comune di Bologna e ai loro genitori, con l’obiettivo di diffondere tutte le informazioni utili al conseguimento della cittadinanza italiana ai 18 anni per coloro che ne hanno attualmente diritto e informare i soggetti che non sono tutelati dalla normativa vigente su quelli che sono i rispettivi loro diritti e doveri.

Queste iniziative intendono stimolare il senso di appartenenza alla comunità ed evidenziare la rilevanza del riconoscimento, con l’obiettivo di agevolare il percorso di integrazione di questi giovani e rafforzare l’idea di una comunità plurale, in cui le diversità culturali e religiose siano una ricchezza e non un problema, in cui il dialogo, il confronto, nel rispetto dei diritti e dei doveri fissati dalla Costituzione.

La Giunta infine si impegna ad attivarsi, in rete con altri Comuni, a sollecitare il Parlamento ad approvare quanto prima una nuova legge sulla cittadinanza italiana che riconosca il principio dello Ius soli.

 

(28 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata