Pubblicità
9.4 C
Bologna
12.8 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeBologna CronacaDecesso di un anziano signore rinvenuto cadavere presso la sua abitazione

Decesso di un anziano signore rinvenuto cadavere presso la sua abitazione

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Bologna

Lo scorso 18 aprile la Squadra Mobile interveniva in un appartamento del centro cittadino a seguito di segnalazione, constatando il decesso di un anziano signore, rinvenuto cadavere. Detto appartamento presentava il cancello esterno della porta di ingresso aperto, elemento sospetto a dire dei familiari dell’anziano deceduto.

Un accurato sopralluogo alla presenza dei parenti consentiva di chiarare la mancanza del cellulare e del portafoglio, nonché la presenza sul letto matrimoniale di un indumento femminile e di una coppia di bicchieri nel salone. L’anziano signore viveva da solo all’interno dell’appartamento. La morte, a dire del medico legale, doveva risalire a 24/48 ore precedenti la constatazione del decesso da parte delle forze dell’ordine. Detti elementi, suffragati da alcune dichiarazioni testimoniali, facevano ritenere che l’anziana vittima avesse avuto un incontro con una donna. Una accurata analisi dei tabulati telefonici del cellulare mancante della vittima confermava una serie di contatti telefonici avuti in particolare il 16 aprile con una giovane meretrice rumena, di cui verranno altresì rilevate alcune impronte latenti all’interno dell’appartamento. Si acclarerà, altresì, attraverso una analisi dei sistemi di videosorveglianza, che la stessa giovane ragazza rumena, dal 16 sino al 18 aprile, si era resa responsabile di svariati prelievi presso sportelli bancomat con la carta indebitamente sottratta all’anziano deceduto.

Particolare inquietante emergerà dall’analisi tossicologica da cui risulterà che la vittima aveva assunto amitriptilina, tradozone e promazina, sostanze che non rientravano fra i farmaci regolarmente prescritti.

Allo stato non è dato sapersi in forza delle considerazioni del medico legale se il decesso si sia verificato a causa dell’assunzioni di tali sostanze. Il materiale probatorio porta a ritenere che la ragazza rumena abbia deliberatamente fatto assumere in più occasioni medicinali con effetti sonniferi al fine di perseguire l’intento criminale di derubare una persona per la sua età fragile e debole.

Successive ed accurate attività investigative svolte dalla Polizia di Stato consentivano nella giornata del 23 dicembre scorso di rintracciare e trarre in arresto nella città di Novara la ragazza rumena che veniva condotta presso la casa circondariale di Vercelli.

 

(24 dicembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE