Pubblicità
6.3 C
Bologna
8.2 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCronaca RegioneModena, "Il CPR non può essere un carcere, tantomeno militare"

Modena, “Il CPR non può essere un carcere, tantomeno militare”

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione #Modena twitter@gaiaitaliacomlo #Migranti

 

 

 

Il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli ha reiterato il suo invito a Matteo Salvini: “Aspetto il ministro Salvini a Modena. Nel frattempo attendiamo le risorse di polizia previste nei Piani Nazionali per la Sicurezza. Attendo con piacere il ministro Salvini a Modena, sarà l’occasione anche per un chiarimento, di principio e di merito, su quanto affermato oggi dal ministro relativamente ai 30 nuovi arrivi di personale delle Forze Armate per i servizi di vigilanza al Centro di Permanenza per i Rimpatri”, ha poi affermato il Sindaco con evidente riferimento alle dichiarazioni del Ministro dell’Interno in merito a una sua prossima visita a Modena. “Le nostre condizioni per l’apertura di un Cpr a Modena – ha continuato il sindaco – sono note: da quelle di principio, come il rispetto dei diritti umani e il loro controllo da parte delle istituzioni locali, a quelle di merito, come la necessità di personale aggiuntivo professionalmente formato per le esigenze del Centro, che non distolga nessuno dai compiti di sicurezza della città. E il Centro non può certo essere un carcere, tantomeno un carcere militare”, ha sottolineato Muzzarelli.

“Chiederemo quindi al Ministro dell’Interno le risposte mancanti – ha aggiunto – e attendiamo nel frattempo che arrivino a Modena le risorse di polizia che abbiamo letto essere previste nei Piani Nazionali per la Sicurezza”.

 




(13 giugno 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE