Home / Cultura / Cuore di Tokyo, il festival raddoppia con il nuovo spettacolo di Andrea Adriatico #Inscena “Il mio amico Hitler”, da Yukio Mishima dal 25 al 28 settembre

Cuore di Tokyo, il festival raddoppia con il nuovo spettacolo di Andrea Adriatico #Inscena “Il mio amico Hitler”, da Yukio Mishima dal 25 al 28 settembre

di Redazione #TeatridiVita twitter@bolognanewsgaia #Bologna

 

E’ ancora festival giapponese: un’appendice di quattro giorni con teatro, cinema, arte e manga, dopo le due settimane tra giugno e luglio realizzate nell’ambito di “Bologna Estate”. E’ ancora “Cuore di Tokyo” per raccontare il Giappone moderno, ma anche per cogliere suggestioni di riflessione sulla storia e sulla nostra Europa. L’appuntamento è a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna; infotel 333.4666333; urp@teatridivita.it) da mercoledì 25 a sabato 28 settembre 2019 a partire dalle 18.30.

Al centro di questa seconda parte del festival è la prima nazionale del nuovo spettacolo di Andrea Adriatico, prodotto da Teatri di Vita, “Il mio amico Hitler” di Yukio Mishima: un’esplorazione acuta e spietata delle strategie che hanno portato il Führer al potere assoluto, in particolare attraverso la rievocazione della famigerata “Notte dei lunghi coltelli”. Per l’occasione, sarà proiettato tutte le sere, a ingresso libero, l’unico mediometraggio scritto, diretto e interpretato da Mishima, “Patriottismo”.

Accanto al teatro, prosegue la rassegna sulla nuova cinematografia nipponica. In programma due film importanti come “The Kamagasaki cauldron war” (presentato pochi mesi fa al Pesaro Film Festival) e “Ritratto di famiglia con tempesta” di Kore’eda, uno dei maggiori registi giapponesi contemporanei; un eccentrico musical rap basato su un manga di successo, “Tokyo Tribe”; e infine una serata dedicata a un progetto produttivo di giovani autori di cortometraggi, Tokyo N’umber.

Sarà ancora possibile visitare le due mostre che hanno già caratterizzato la prima parte del festival: “Capitan Harlock, il pirata dello spazio” con le opere autografe del suo creatore Leiji Matsumoto; e “(Im)possible baby” di Ai Hasegawa, alla Sala Studio (via del Pratello 90/a), in cui arte contemporanea e ricerca biotecnologica si uniscono per immaginare la procreazione per coppie lesbiche senza alcun apporto maschile.

La 13ª edizione del festival internazionale di reportage e del contemporaneo, “Cuore di Tokyo”, si svolge nell’ambito di “Bologna Estate”, con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano e della Camera di Commercio e Industria Giapponese in Italia. Anche quest’anno il festival ha ottenuto il riconoscimento della Effe Label, marchio di qualità della European Festival Association. Il festival è reso possibile grazie al Comune di Bologna, alla Regione Emilia Romagna e al sostegno di CAMPANI Group, ASAHI, KC Travel, Compagnie Des Hotels.

 

(12 settembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

 

 

 





 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*