Home / Arte & Mostre / A Parma si fa la pausa pranzo con Kandkinsky in mostra fino al 24 febbraio

A Parma si fa la pausa pranzo con Kandkinsky in mostra fino al 24 febbraio

di Redazione #Parma twitter@gaiaitaliacomlo #Arte

 

Fino al 24 febbraio 2019, il Palazzo del Governatore di Parma ospita la mostra “Dall’Espressionismo alla nuova Oggettività. Avanguardie in Germania” che propone 40 opere dei maggiori rappresentanti dell’Espressionismo, corrente culturale e artistica, sviluppatasi in Germania nella prima metà del Novecento. Per consentire al pubblico una maggiore fruizione, il Comune di Parma e Solares Fondazione per le Arti promuovono l’iniziativa Pausa pranzo con Kandinsky.

Il percorso espositivo prende avvio da una serie di capolavori provenienti dalla cerchia dei gruppi di artisti del “Die Brücke” a Dresda e del “Der Blaue Reiter” a Monaco e di “Der Sturm”, rivista d’arte berlinese, di autori quali Vassilj Kandinsky, Ernest Ludwig Kirchner, Emil Nolde, Alexei Jawlensky, August Macke, Franz Marc e prosegue negli anni del primo dopoguerra, che vedono sorgere una nuova visione estetica rappresentata dal movimento della Nuova oggettività.

La mostra è organizzata da Solares Fondazione delle Arti, in collaborazione con il Von Der Heydt-Museum di Wuppertal, con il contributo del Comune di Parma, col sostegno di Iren e di CePIM – Interporto di Parma.

Per tutta la durata dell’esposizione, coloro i quali pranzeranno nei bar del centro, riceveranno un coupon che, presentato alla biglietteria di Palazzo del Governatore, consentirà di visitare la rassegna a ingresso ridotto (€8,00, invece di €10,00), dal giovedì alla domenica, tra le 12.00 e le 15.00.

 

DALL’ESPRESSIONISMO ALLA NUOVA OGGETTIVITÀ. Avanguardie in Germania
Parma, Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi
fino al 24 febbraio 2019
Martedì e mercoledì 15-19. Da giovedì a domenica e festivi 10-19

Lunedì chiuso. Chiuso il 25 dicembre e 1 gennaio

 





 

(30 novembre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 


 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*