Pubblicità
17.9 C
Bologna
17.6 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeEmilia RomagnaCrisi La Perla. Dopo il pronunciamento del Tribunale di Londra, convocato il...

Crisi La Perla. Dopo il pronunciamento del Tribunale di Londra, convocato il tavolo ministeriale sullo storico marchio di abbigliamento intimo di Bologna

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

“Ora il Governo deve scendere in campo il prima possibile per contribuire a dipanare una vicenda, come quella de La Perla, che sta diventando sempre più complessa. Occorre un rapido e deciso impegno, anche attraverso la diplomazia, a far dialogare le procedure giudiziarie, quella inglese con quella italiana. A rischio c’è un pezzo del made in Italy, una storia della moda italiana lunga 70 anni”.

Sono queste le richieste al Governo che il presidente della Regione, Stefano Bonaccini e l’assessore regionale allo Sviluppo economico e Lavoro, Vincenzo Colla, porteranno al tavolo di crisi de La Perla convocato dal ministero delle Imprese e del made in Italy per domani, dopo il pronunciamento del Tribunale di Londra.

“Si deve arrivare- aggiungono Bonaccini e Colla- a un effettivo dialogo e confronto tra le due procedure giudiziarie, per centrare l’obiettivo di una soluzione chiara per la vendita del marchio storico de La Perla unitamente a un progetto industriale che guardi al futuro e abbia come cuore produttivo lo stabilimento di Bologna e la salvaguardia dell’occupazione”.

“Come Regione- concludono- all’incontro di domani ribadiremo l’urgenza di un rapido intervento del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali affinché assicuri i necessari ammortizzatori sociali. Solo con così da poter affrontare il tema delle retribuzioni, con stipendi assenti da quasi quattro mesi”.

 

 

(14 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE