Home / Bologna Cultura / “Meraviglie quantistiche: dal gatto di Schrödinger alle tecnologie di domani”, Teatro Arena del Sole. Il 15 ottobre

“Meraviglie quantistiche: dal gatto di Schrödinger alle tecnologie di domani”, Teatro Arena del Sole. Il 15 ottobre

0Shares

di Redazione #Bologna twitter@bolognanewsgaia #Cultura

 

Giovedì 15 ottobre alle ore 21.00 il Teatro Arena del Sole ospita Catalina Oana Curceanu, fisica e ricercatrice capo presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Laboratori di Frascati), insieme a Roberta Fulci, voce di Radio3 Scienza, per il terzo appuntamento, Meraviglie quantistiche: dal gatto di Schrödinger alle tecnologie di domani, della rassegna Scienza, coscienza e conoscenza. Sei sguardi ai saperi per fare comunità, incontri realizzati da ERT Fondazione in collaborazione con la Fondazione per l’Innovazione Urbana e Rai Radio3 Scienza. Il progetto nasce all’interno di un più ampio ragionamento intorno al ruolo fondamentale e alle criticità della ricerca scientifica e tecnologica, in vista della Notte dei Ricercatori 2020 e per accompagnare le repliche di WET MARKET La fiera della (nostra) sopravvivenza, spettacolo scritto da Paolo Di Paolo e prodotto da ERT nella stagione 2020-2021, che debutterà il prossimo 3 novembre.

Quest’anno ERT ha deciso di dedicare nella programmazione di attività culturali un ampio spazio a tematiche che vanno oltre i confini del teatro, per spaziare in altri ambiti del sapere, affrontando questioni riguardanti l’ambiente, la scienza e la medicina.

Catalina Oana Curceanu presenta le basi della meccanica quantistica, i concetti di sovrapposizione di stati e entanglement, o correlazione quantistica, le problematiche connesse alla MQ (meccanica quantistica) e le possibili soluzioni (mondi paralleli, una nuova teoria o qualcos’altro?), dimostrando come le proprietà quantistiche potrebbero generare una tecnologia fondamentalmente diversa da quella attuale: «I sogni di oggi potrebbero diventare la realtà di domani» – scrive Curceanu.

«La Meccanica Quantistica è senz’altro la migliore teoria fisica che abbiamo per spiegare il mondo delle particelle, – continua – la struttura atomica, la chimica, la biologia e le stelle di neutroni. Nonostante il suo enorme successo, la MQ è al centro di un vivace dibattito, come dimostrato dal famoso paradosso del “gatto di Schrödinger”, un gatto “quantistico” sia vivo che morto. Fra le varie soluzioni proposte ci sono alcune molto esotiche: mondi paralleli oppure teorie che vedono nell’attuale MQ un limite di una teoria ancora da scoprire. Oltre ad impegnarsi a fondo, io stessa conduco un esperimento al riguardo nei laboratori sotterranei del Gran Sasso, per trovare una soluzione a questo e altri paradossi, per i ricercatori le proprietà quantistiche, quali la sovrapposizione degli stati e l’entanglement, aprono la porta (anzi, la spalancano!) a future tecnologie quantistiche che potrebbero cambiarci la vita. Fra queste i computer quantistici sono in prima fila!».

Catalina Curceanu è nata in Transilvania, vicino al castello di Dracula. È primo ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Laboratori Nazionali di Frascati, dove dirige un gruppo di ricercatori – a lei piace chiamarli “esploratori dell’Universo” – che lavora nel campo della fisica sperimentale nucleare e quantistica, conducendo esperimenti sia in Italia (sull’acceleratore DAFNE e nei laboratori sotterranei del Gran Sasso) che all’estero e coordina vari progetti internazionali. Catalina è membro della Foundational Question Institute americana (FQXi), Cavaliere della Romania con l’ordine “Merito Culturale” e nel 2017 ha ricevuto il premio Emmy Noether della European Physical Society. Ha organizzato decine di conferenze internazionali ed è autore o coautore di più di 400 pubblicazioni scientifiche in riviste internazionali. Svolge un’intensa attività di formazione e divulgazione scientifica. Ha pubblicato il libro Dai buchi neri all’adroterapia. Un viaggio nella Fisica Moderna (Springer – I Blu, 2014) e scrive per vari giornali e riviste italiane e rumene. Ha la passione di spiegare a tutti quanto è bello e affascinante il mondo della scienza.

Roberta Fulci è redattrice e conduttrice di Radio3Scienza, il quotidiano scientifico di RAI Radio3, e collaboratrice di “Il Tascabile”. Con Vichi De Marchi è autrice di Ragazze con i numeri. Storie, passioni, sogni di 15 scienziate (Editoriale scienza, 2018). Dopo una laurea in matematica all’università La Sapienza di Roma e un dottorato in algebra a Bologna, ha frequentato il master in Comunicazione della scienza alla Sissa – Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste. Ha collaborato con Zanichelli, Le Scienze, Bioversity International.

 

(14 ottobre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: