HomeCulturaBologna Jazz Festival, il 15 novembre "Scrivere la Musica"

Bologna Jazz Festival, il 15 novembre “Scrivere la Musica”

di Redazione #Bologna twitter@bolognanewsgaia #BJF2019

 

Scrivere la musica”, la cui prima edizione si svolgerà venerdì 15 novembre, dalle ore 9 alle 14, nella Terza torre della Regione Emilia-Romagna, in viale della Fiera 8 a Bologna, nasce dall’assunto che il mondo dei suoni e quello dei media sono legati indissolubilmente. Scopo del progetto proposto dal Bologna Jazz Festival è indagare e fornire informazioni utili sui rapporti tra musica e comunicazione, in particolare sul vasto mondo dell’editoria, delle recensioni, tv e radio.

L’iniziativa si articola in una giornata di formazione, destinata all’ottenimento di crediti formativi per gli iscritti all’Ordine dei Giornalisti, ma aperta anche a studenti del conservatorio, del liceo musicale e dell’università. La giornata sarà anche finalizzata all’ottenimento di crediti formativi scolastici. Si sono già iscritti un centinaio di giornalisti e una settantina di studenti, provenienti anche da conservatori di altre regioni italiane. Il progetto didattico “Scrivere la musica” è inoltre stato inserito nel Piano dell’offerta formativa di istituto del Liceo Musicale “Lucio Dalla” di Bologna, e verrà considerato tra le attività del Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento), sarà quindi argomento d’esame all’orale di maturità.

Il progetto è organizzato in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti, sostenuto dalla Fondazione del Monte, patrocinato e ospitato dalla Regione Emilia-Romagna.
L’appuntamento, ideato e coordinato dal giornalista Vanni Masala, è strutturato come un workshop/convegno per circa 200 persone, preventivamente iscritte, che in seguito a un’introduzione da parte del presidente regionale dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna, Giovanni Rossi, proporrà una serie di relazioni da parte di giornalisti, scrittori e studiosi della musica noti a livello nazionale.

 

Il programma

“La critica nella musica classica e contemporanea” a cura di Giordano Montecchi.
“Jazz ed editoria” a cura di Stefano Zenni.
“Musica in radio” a cura di Pino Saulo.
“Musica e carta stampata” a cura di Marco Molendini.
“Musica in tv” a cura di Carlo Massarini.

 

Giordano Montecchi

Musicologo e critico musicale, da sempre ha prestato attenzione al rapporto fra pratica musicale, cultura e contesto sociale. I suoi interessi di studioso si sono rivolti soprattutto al vasto orizzonte della modernità attraverso le sue molteplici diramazioni: dalla pop music alla musica contemporanea, dal jazz al rock alla musica etnica.

È autore di numerosi saggi e articoli pubblicati in volume e in periodici specializzati. Fra le sue pubblicazioni si segnala il primo volume di Una storia della musica. Artisti e pubblico dal Medioevo ai giorni nostri, un successo editoriale giunto in poco tempo alla quarta ristampa. Dal 1986 ha svolto attività di critico musicale scrivendo regolarmente su l’Unità. Collabora con riviste specializzate quali Il Giornale della Musica e Amadeus. Già membro della Commissione musica del Fus presso il Ministero dei Beni Culturali, dal 2005 è membro del Comitato Scientifico per lo Spettacolo della Regione Emilia-Romagna. Inoltre, dal 2007 al 2010 è stato nominato dalla Regione Emilia-Romagna quale suo rappresentante nel Consiglio di amministrazione del Teatro Comunale di Bologna. Nel triennio 2007–2009 è stato coordinatore del progetto “Operafutura” che ha coinvolto i teatri di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia. Docente di ruolo al Conservatorio di Musica di Parma è titolare degli insegnamenti di Storia della musica e di Musicologia sistematica. Dal 2001 al 2004 ha insegnato Discografia e videografia musicale allo Iulm di Milano.

 

Stefano Zenni

È stato fondatore e presidente della Società Italiana di Musicologia Afroamericana (SIdMA).

Insegna Storia del jazz e della musica afroamericana, Analisi delle forme compositive jazz e Storia della musica applicata alle immagini presso il Conservatorio di Bologna. È docente a contratto presso il Conservatorio di Firenze. Insegna Storia della musica presso la scuola di teatro L’Oltrarno del Teatro della Pergola di Firenze.

Ha insegnato Analisi a Siena Jazz e History of Music of XX and XXI Century presso la New York University a Firenze. Dal 1998 è direttore artistico della rassegna Metastasio Jazz presso il Teatro Metastasio di Prato. È stato direttore artistico del Torino Jazz Festival dal 2013 al 2017.

È direttore artistico della stagione musicale della Società del Teatro e della Musica L. Barbara di Pescara.

Ha pubblicato importanti libri su Louis Armstrong, Herbie Hancock, Miles Davis, Charles Mingus. Il volume I segreti del jazz ha vinto il premio Migliore libro di saggistica su musica internazionale 2007-2008 al 1° Festival del Libro Musicale di Sanremo. Ha pubblicato una vasta e innovativa Storia del jazz. Una prospettiva globale (Stampa Alternativa, 2012). Il suo ultimo libro è Che razza di musica. Jazz, blues, soul e le trappole del colore (EDT, 2016).

Dal 2012 tiene con successo il ciclo “Lezioni di jazz” presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma. Collabora con il Ravello Festival per le note di sala.

È stato consulente per i film Io sono Tony Scott di Franco Maresco (2010) ed Enrico Rava. Note necessarie, di Monica Affatato (2016). I suoi contributi su musica e cinema sono in dvd su Pasolini, Ciprì e Maresco, Gianni Amico.

È stato a lungo collaboratore della rivista Musica Jazz. Dal 2009 al 2013 è stato editor del settore jazz del Giornale della Musica. È stato membro dell’International Advisory Board del Center for Black Music Research di Chicago nonché redattore del New Grove Dictionary of Jazz II.

È stato candidato ai Grammy Awards come autore di note di copertina. Dal 1997 è stato conduttore di Rai Radio3 nei programmi “Mattino Tre”, “Il terzo anello”, “Body and Soul”, “Wikiradio”, “Wikimusic” ecc.

 

Giuseppe Saulo

Autore, produttore e conduttore radiofonico, ha collaborato alla realizzazione di “Audiobox” ed è da venticinque anni responsabile della programmazione jazz di Rai Radio3. Ha prodotto decine di concerti dal vivo, alcuni dei quali sono diventati cd, e trasmesso più di un migliaio di concerti; ha organizzato eventi radiofonici con collegamenti diretti tra varie radio europee (“Horizontal Radio”, “Rivers & Bridges”, “Radiolines: la voce”); ha creato e condotto diversi programmi radiofonici (“Inaudito”, “Agguati”, “Fonorama”, “Fuochi”); è stato il curatore di Invenzioni a due voci; ha ideato e organizzato con la Fondazione Musica per Roma i festival New York Is Now!, Le Labbra Nude e la rassegna Be Music, Night; ha ideato e curato la rassegna Viva! per il Festival RomaEuropa. È stato il direttore artistico dell’etichetta Tracce prodotta da Rai Trade. È ideatore e curatore di “Body & Soul” nonché di “Battiti”, in onda tutte le notti sempre su Radio3.

 

Marco Molendini

Giornalista e critico musicale di lunga esperienza, è una delle firme di punta de Il Messaggero, di cui è stato redattore capo del servizio spettacoli dal 1981 al 1995. Nato a Bologna e residente a Roma è stato conduttore su Radio Rai di programmi dedicati al jazz, dal 1982 al 1992, collaboratore per programmi sul jazz di RaiSat prima e di Rai 5 poi. È anche autore di libri: una biografia di Frank Sinatra, una di Caetano Veloso, un doppio racconto sul rapporto fra Veloso e Gilberto Gil dal titolo Fratelli Brasile e del libro fotografico Le strade del cinema portano a Roma. È stato autore televisivo del programma “Speciale per me” di Renzo Arbore (Rai Uno). Insegna al Master di critica giornalistica dell’Accademia d’arte Silvio D’Amico.

 

Carlo Massarini

Giornalista, conduttore televisivo e conduttore radiofonico.

Dal 1971 al 1974 conduce per Radio Rai la trasmissione di musica rock e pop “Per voi giovani”. Successivamente (dal 1973 al 1977) conduce le trasmissioni radiofoniche serali “Popoff” e “Radio2 21.29”. Nel 1976 prende le redini della rivista Popster. Sempre per Popster nel 1979 fa l’inviato a New York, prima di passare nel 1980 come collaboratore all’edizione Italiana di Rolling Stone. Dal 1981 al 1984 è conduttore e autore di “Mister Fantasy”, trasmissione di Rai 1 di oltre 150 puntate dedicata alla videoarte e al videoclip. Nel 1986 conduce, sempre sullo stesso canale, il programma “Non necessariamente”. Co-conduce il Festival di Sanremo sia nel 1987 (con Pippo Baudo) che nel 1988 (con Miguel Bosé e Gabriella Carlucci). Sempre per la Rai, è autore e conduttore, alla fine degli anni Ottanta, della trasmissione “Tam Tam Village”.

Dal 1995 al 2002 conduce la trasmissione MediaMente, produzione televisiva di Rai Educational di approfondimento su internet e le nuove tecnologie.
Nel 2010 realizza sei puntate speciali di “Mister Fantasy” intitolate “Mister Fantasy R&R, Reload & Rewind. Ricarica & Rivedi” ambientate al MAXXI di Roma e trasmesse da RaiSat Extra.

Dal 2011 conduce la trasmissione “Cool Tour” in onda quotidianamente su Rai 5. Dal 2013 conduce su Rai 5 la trasmissione “Cool Tour Classic Rock”. Dal 2014 conduce la trasmissione “Ghiaccio Bollente”, in onda su Rai 5. Dall’ottobre 2014 conduce su Virgin Radio “Absolute Beginners”.

 

Terza Torre della Regione Emilia-Romagna: viale della Fiera 8, Bologna
Informazioni
Associazione Bologna in Musica
tel.: 334 7560434

e-mail: info@bolognajazzfestival.com
www.bolognajazzfestival.com

 

 

(11 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




RELATED ARTICLES
Pubblicità
4,734FansMi piace
2,381FollowerSegui
125IscrittiIscriviti

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: