Pubblicità
14.3 C
Bologna
12.9 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeNotizieParma, via il 15 luglio il progetto "Segnali d'Italia"

Parma, via il 15 luglio il progetto “Segnali d’Italia”

di Redazione #Bologna twitter@gaiaitaliacomlo #eventi

 

 

 

Si chiama “Segnali d’Italia” e parte da Parma il nuovo progetto di comunicazione che IGPDecaux ha realizzato in collaborazione con i fotografi della Leica Akademie e con il patrocinio del Comune di Parma.

Una Campagna multi-soggetto e multiformato che si pone l’obiettivo di valorizzare le qualità e le eccellenze diffuse nel territorio, dando risalto a luoghi, persone, mestieri che meritano di essere conosciuti, rivalutati ed emulati.

Sono 10 storie esemplificative di altrettante realtà, spesso poco conosciute, di persone, artigiani, imprese che sono riuscite a creare qualcosa di nuovo, valido, socialmente utile. Come nel caso delle associazioni di volontariato che assicurano servizi vitali come quelli delle autoambulanze o del servizio trasporto disabili o le insegnanti in ospedale che, grazie alle lezioni in stanza, assicurano ai bambini ricoverati di non perdere l’anno scolastico e tenersi al passo coi propri compagni di scuola.

Storie di donne e uomini che, puntando sulla creatività, sul talento e sull’innovazione, sono capaci di creare nuove realtà e di valorizzare il patrimonio esistente creando un indotto economico che significa sviluppo, occupazione e interazione. In altri termini, progetti e nuove realtà che costituiscono opportunità di crescita per il territorio, contribuendo alla promozione di un’immagine positiva e solidale della città.

L’obiettivo di IGPDecaux “Segnali d’Italia” va oltre la descrizione delle storie e si allarga al coinvolgimento della popolazione locale. Una vera e propria “call to action” supportata a Parma dalla partecipazione delle community degli Igers locali, per chiedere agli abitanti di segnalare, a loro volta, quelle storie e quei personaggi meno noti che meritano di essere portati alla luce per la qualità, l’innovazione e l’efficacia dei loro interventi e realizzazioni.

Ogni cittadino di Parma avrà quindi l’opportunità di fotografare e raccontare sul social delle storie come quelle rappresentate sulla campagna di IGPDecaux. Basterà semplicemente pubblicare su Instagram una foto che rappresenti una storia di eccellenza della propria città, condividerla utilizzando gli hashtag #segnaliditalia e #igpdecaux.

IGPDecaux sceglierà le foto più belle, che verranno condivise e ripostate sul sito dedicato alla campagna istituzionale (www.segnaliditalia.it).

Il progetto parte a livello nazionale con due città: Parma per il Nord Italia e Napoli per il Sud, per allargarsi successivamente a tutto il territorio nazionale.

Realizzata con il patrocinio del Comune di Parma e la media partnership del quotidiano La Gazzetta di Parma, la campagna inizierà a partire dal 15 luglio e terminerà il 30 settembre e sarà articolata sul circuito delle fermate e delle fiancate degli autobus.

La creatività della Campagna “Segnali d’Italia” è a cura dell’agenzia Cookies & Partners, la direzione artistica di Lorenza Bravetta e ArtsFor che ha coordinato i due fotografi della Leica Akademie che hanno realizzato gli scatti d’autore, Simone Mizzotti ed Ettore Moni. Advisor di comunicazione del progetto è The Round Table.

I 7 soggetti della Campagna

Museo Ettore Guatelli, un tempio per i nostri antenati

60.000 oggetti di uso comune, raccolti nel corso di un’intera vita, costituiscono l’impegnativa eredità che un umile maestro di campagna ha lasciato alla sua comunità. L’immensa installazione accoglie oggi migliaia di visitatori che possono confrontarsi con il passato attraverso la quotidianità di una civiltà scomparsa

Sajetta, consegne veloci in tutta la città

Dopo anni di lavoro in un’azienda, Andrea ha scelto la libertà delle due ruote, importando a Parma un modello di consegne ecologico e socialmente molto apprezzato. La sua figura scattante oggi è nell’immaginario dei parmigiani. Grandi e piccoli.

Unipr Racing Team, chi fa competizione genera occupazione

L’idea alla base della Formula SAE è semplice: immaginare che un gruppo di studenti sia stato ingaggiato per realizzare un prototipo di auto da corsa e portarlo in pista. A Parma la squadra dell’Università esiste da 11 anni e ha raccolto molti successi, ma soprattutto ha aiutato i neolaureati a trovare immediatamente occupazione.

Le insegnanti  in corsia dell’Ospedale dei Bambini

Un team di otto maestre e professoresse garantisce il diritto allo studio a giovani e giovanissimi ricoverati che non possono andare a scuola. Ogni anno sono circa 400 gli studenti che grazie alle lezioni in stanza restano al passo con il proprio corso di studi.

Digitarlo, la bottega digitale che preserva il nostro passato 

I ragazzi del laboratorio trasformano documenti analogici in file digitali di ultima generazione. Ci lavorano persone con disabilità e con svantaggio sociale. Il progetto nasce nel 2016 dall’esperienza ultratrentennale della cooperativa sociale “la bula”.

Dallara, l’azienda leader dei motori che punta su giovani e innovazione

L’ingegnere Gian Paolo ha fondato il marchio nel 1972, dopo una lunga esperienza in Maserati, Ferrari e Lamborghini. Da allora progetta e costruisce vetture da competizione e collabora con le maggiori case automobilistiche del mondo.

Assistenza Pubblica, da 116 anni impegnata nel soccorso e nella solidarietà

Fondata nel 1902, l’associazione di volontariato assicura molteplici servizi tra cui quello di ambulanze che a Parma è diventato proverbiale. Nel corso della sua storia ha saputo innovare ai propri compiti, introducendo in Italia pratiche di assoluta avanguardia come l’automedica.

 




 

 

 

(10 luglio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

ALTRO DA LEGGERE