Pubblicità
13.9 C
Bologna
15.3 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeCultura RegioneMuseo Fellini di Rimini, nel nuovo bando di gara al centro i...

Museo Fellini di Rimini, nel nuovo bando di gara al centro i contenuti innovativi e multimediali

di Gaiaitalia.com #Rimini twitter@gaiaitaliacomlo #museofellini

 

 

Così come annunciato nei giorni scorsi, è stato revocato il bando per i servizi di progettazione e allestimento del Museo Fellini, alla luce del nuovo quadro economico e in previsione della pubblicazione del nuovo progetto di fattibilità. Il 20 gennaio scorso, in occasione dell’inaugurazione del cinema Fulgor, primo asse dell’intero progetto museale, il Ministro ai beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, ha annunciato la concessione di un ulteriore finanziamento di 3 milioni di euro, oltre ai 9 già stanziati, per la ridefinizione, allo sviluppo, all’integrazione e il completamento dei diversi interventi. Questa accresciuta disponibilità finanziaria – che porta a 12 milioni di euro il contributo complessivo erogato dal Ministero – ha dunque consentito di rivedere il progetto: nel nuovo bando di gara, che sostituirà quello appena revocato, si andrà a implementare in particolare l’aspetto che riguarda l’ideazione e la realizzazione dei contenuti tecnologici, innovativi e multimediali. Nell’appalto quindi saranno valorizzati ancora di più questi elementi creativi e artistici, che saranno caratterizzanti del primo museo al mondo dedicato interamente all’opera e al genio del regista riminese e che si propone come luogo di formazione, ricerca, ma anche spazio espositivo spettacolare, poetico e visionario. “Grazie a questa nuova disponibilità economica saremo in grado di presentare un nuovo bando per la realizzazione di una struttura museale unica, innovativa – sottolinea l’assessore alle arti Massimo Pulini – capace di attirare la curiosità di un pubblico internazionale intorno alla figura di Federico Fellini, al cinema e alla capacità della settima arte di relazionarsi con le altre forme artistiche, antiche e contemporanee”.





(8 febbraio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

ALTRO DA LEGGERE