Home / Bologna / Art City Bologna 2018: 100mila persone frequentano il lungo week end dell’arte

Art City Bologna 2018: 100mila persone frequentano il lungo week end dell’arte

di Gaiaitalia.com #Bologna twitter@gaiaitaliacomlo #Arte

 

 

Sono oltre centomila le presenze di pubblico a Bologna nel lungo weekend dell’arte. Anche quest’anno il felice connubio tra Arte Fiera e ART CITY Bologna, il programma istituzionale di mostre ed eventi in città, coordinato dall’Istituzione Bologna Musei ha riscontrato un pieno successo.
La nuova direzione artistica di Lorenzo Balbi ha presentato per questa edizione un programma composto da 10 eventi e un progetto speciale, al quale come di consueto si affiancano le numerosissime iniziative segnalate dal brand di ART CITY e le molte proposte indipendenti degli operatori privati della città.

“Siamo molto soddisfatti per la risposta del pubblico in questo week end che ha visto Bologna al centro del”attenzione internazionale – afferma l’assessore alla Cultura Matteo Lepore. Un successo testimoniato anche dai primi dati di accesso certificati alle sedi dell’Istituzione Bologna Musei e Biblioteche, che siamo già in grado fornire: MAMbo, con Collezione permanente e la mostra temporanea Revolutija. Da Chagall a Malevich da Repin a Kandinsky, Museo Morandi, Villa delle Rose, Museo della Musica, Collezioni Comunali d’Arte, Teatro Anatomico dell’Archiginnasio, Padiglione de l’Esprit Nouveau ed ex GAM hanno realizzato circa 15 mila visitatori. Un traguardo importante per il quale in particolare ringrazio Lorenzo Balbi per la sua intelligente direzione artistica, il CDA dell’Istituzione Bologna Musei, tutto lo staff ART CITY che ha organizzato e promosso gli eventi e i molti volontari Auser che hanno sorvegliato l’apertura degli spazi espositivi.

Il bilancio è pienamente positivo anche per Roberto Grandi, presidente Istituzione Bologna Musei, che sottolinea: “Gli obiettivi perseguiti dai musei civici in momenti fondamentali per il mondo dell’arte come Arte Fiera e ART CITY Bologna sono incrementare la propria visibilità, essere maggiormente aperti, inclusivi e trasparenti, attirare nuovi pubblici e sviluppare un maggior senso di appartenenza nei visitatori che li frequentano. In questi tre giorni di grande partecipazione l’immagine più bella è stata, sabato sera alle 23.30, vedere i genitori che venivano a prendere i propri bambini e ragazzi alla fine della cena con laboratorio sul tema della rivoluzione nell’arte mescolarsi con i partecipanti al MAMbo Rulez Party, in una grande festa collettiva aperta a tutti, piccoli e adulti”.

“Sono stati giorni bellissimi – afferma Lorenzo Balbi, al suo esordio come direttore artistico di Art City, a partire da giovedì mattina quando, arrivando al MAMbo, ho trovato la coda fuori dal museo per ritirare i coupon gratuiti per assistere alla grande performance di Vadim Zakharov all’ex GAM, fino alla festa di sabato sera in cui abbiamo svelato il nostro programma per il 2018. Grazie Arte Fiera, grazie a tutti, artisti, curatori e colleghi per aver realizzato questo evento unico.

Lo spirito di ART CITY Bologna non si esaurisce nel weekend appena trascorso ma prosegue con le numerose mostre e progetti espositivi che resteranno visibili al pubblico anche nelle prossime settimane, per consentire una fruizione prolungata delle iniziative.
Le informazioni su periodi e orari di apertura sono consultabili sul sito www.artcitybologna.it.
L’hashtag ufficiale della manifestazione è #ArtCityBologna.




(6 febbraio 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*