Home / Bologna / Scusate se non siamo morti in mare #Inscena Teatri di Vita, Bologna, dal 24 al 26 marzo 2017

Scusate se non siamo morti in mare #Inscena Teatri di Vita, Bologna, dal 24 al 26 marzo 2017

di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

Tre migranti chiusi in un container, in viaggio sul mare verso la speranza, in balia di un avido traghettatore. Non vengono dall’Africa verso l’Occidente, ma sono europei in viaggio verso altri lidi. E se a emigrare clandestinamente fossimo noi? Da questo ribaltamento prende il via lo spettacolo amaro e beffardo scritto da Emanuele Aldrovandi per la compagnia MaMiMò, dal titolo “Scusate se non siamo morti in mare”, in scena a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna; tel. 051.566330; www.teatridivita.it), da venerdì 24 a domenica 26 marzo, (venerdì ore 21, sabato ore 20, domenica ore 17). In scena, Luz Beatriz Lattanzi, Marcello Mocchi, Matthieu Pastore, Daniele Pitari. Regia di Pablo Solari. Produzione MaMiMò, in collaborazione con Arte Combustibile e La Corte Ospitale – Residenza 2016.

Uno spettacolo che ha al suo attivo il fatto di essere stato finalista al Premio Riccione Tondelli e al Premio Scenario, e di aver vinto il bando Migrarti del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

In un futuro non troppo lontano la crisi economica – che invece di finire si è aggravata – ha trasformato l’Europa in un continente di emigranti. I cittadini europei, alla ricerca di un lavoro e di un futuro migliore, cercano di raggiungere i paesi più “ricchi”, ma devono farlo clandestinamente perché questi paesi, nel frattempo, hanno chiuso le frontiere. Fra i tanti mezzi per espatriare illegalmente uno dei più diffusi è il container: i clandestini salgono a bordo, pagano mille dollari alla partenza e mille all’arrivo, senza sapere dove verranno scaricati. I personaggi di questa storia sono quattro e non hanno nome, sono identificati dalle loro caratteristiche fisiche: il Robusto, la Bella e l’Alto sono i tre migranti e il Morbido è il proprietario del container.

 




 

Davanti al catastrofico numero di morti che con cadenza quotidiana sono cronachisticamente raccontati dai telegiornali, il sentimento più diffuso è un comune senso di smarrimento e lontananza, un’impossibilità di comprendere sino in fondo l’entità del fenomeno migratorio, le sofferenze e le disgrazie da esso provocate. La società sistematica e telematizzata in cui viviamo ci ha abituato a questo senso di “indifferente consapevolezza”, ma cosa succederebbe se da un momento all’altro fossimo noi i migranti, i protagonisti di questa tragedia dalle connotazioni ancestrali?

 

 

 

(18 marzo 2017)

 





 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Reggio Emilia, truffano anziani: padre e figlio denunciati dai Carabinieri

di Gaiaitalia.com, #ReggioEmilia     Il papà, spacciandosi per Maresciallo dei carabinieri, si è presentato presso l’abitazione di una coppia di anziani per derubarli mentre il figlio a bordo di un’autovettura con targa clonata l’attendeva all’esterno. I pretestuosi controlli del falso maresciallo, che aveva indotto i due anziani a riporre i loro aver in freezer per poi essere presi dal malvivente, non sono bastati per riuscire a portare a compimento il furto in quanto l’arrivo improvviso del figlio dei due ...

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’assessora regionale Emma Petitti incontra la vittima

di G.G., twitter@gaiaitaliacom     La vicenda è nota: una donna senegalese viene intercettata – è il termine giusto – sull’autobus da una coppia di sbandati, 19 anni lei e 22 lui, che le sottraggono il telefono. Lei se ne accorge e alle sue richieste di restituirglielo viene spintonata, pestata, buttata al suolo, presa a calci, dentro e fuori dall’autobus al grido di “Ti facciamo abortire negra di m…”, insulti e minacce ripetuti anche di fronte alle forze di Polizia. ...

Caso importato di Zika a Bologna, attivate le misure straordinarie di profilassi

di Gaiaitalia.com, #Bologna       È stato rilevato un caso importato di Zika a Bologna. Si tratta di una persona rientrata da zone tropicali che ha contratto la malattia, trasmessa da una puntura di zanzara infetta. Sono state immediatamente attivate le misure di profilassi, come previsto dallo specifico protocollo regionale: è in corso da questo pomeriggio la disinfestazione, sia nelle aree private che nelle aree pubbliche circostanti l’abitazione della persona ammalata e gli interessati sono stati istruiti sulle principali ...

Arriva Festareggio 2017, la Festa de l’Unità di Reggio Emilia: Per gli amanti del genere un must

di Gaiaitalia.com, #ReggioEmilia     Presentata nei giorni scorsi l’edizione 2017 di Festareggio, la Festa de l’Unità del capoluogo reggiano che torna anche in questo finale d’estate 2017 con il consueto appuntamento tra politica, cultura e spettacolo. Variegato il programma che, se siete culturi del genere, vi invitiamo a visitare qui. Festareggio 2017 chiuderà il 17 settembre. (21 agosto 2017)   ©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata Share on:

Istituzione dell’Albo dei Cittadini Attivi – Volontari di Piacenza. Dal 1° settembre al 15 ottobre le iscrizioni

di Gaiaitalia.com, #Piacenza     L’Amministrazione comunale rende noto che, in attuazione del Regolamento della Partecipazione, verrà costituito a breve l’Albo dei Cittadini Attivi – Volontari. Un elenco cui dovranno essere iscritti non solo i singoli, ma anche le associazioni, le rappresentanze professionali, di categoria e organizzazioni datoriali, le scuole e le cooperative che, gratuitamente, intendano mettere a disposizione della collettività il proprio tempo e le proprie capacità, collaborando con il Comune nella gestione e manutenzione dei servizi di pubblica ...

Museo della Figurina di Modena: “Arte in tasca. calendarietti e réclame”, dal 15 settembre

di Gaiaitalia.com, #Modena     Piccoli capolavori d’Art déco tascabili. Così possono essere definiti i “calendarietti del barbiere” profumati e i lavori di illustrazione e grafica per réclame ed etichette firmati anche da artisti famosi negli anni tra le due guerre mondiali. Questi ed altri oggetti affini sono esposti e raccontati al Museo della Figurina di Modena (Palazzo Santa Margherita, corso Canalgrande 103) nella mostra che aprirà al pubblico il 15 settembre in occasione del festivalfilosofia 2017 sulle “Arti”. La ...