Home / Bologna / Vaccini, ecco le nuove regole per poter frequentare il nido a Bologna

Vaccini, ecco le nuove regole per poter frequentare il nido a Bologna

di Redazione

 

 

 

Il Comune di Bologna ha inviato alle famiglie dei 1.580 bambini – già iscritti ai servizi educativi per la prima infanzia e in procinto di frequentare l’anno educativo 2017/2018 – una comunicazione sulle nuove regole stabilite dalla Legge Regionale numero 19 del 25 novembre 2016. La legge introduce come requisito per frequentare i servizi educativi e ricreativi pubblici e privati l’aver assolto da parte del minore agli obblighi vaccinali. In particolare, le linee guida predisposte dalla Regione Emilia-Romagna prevedono che il minore abbia assolto alle vaccinazioni secondo un calendario che prevede la somministrazione di almeno una dose entro i 6 mesi di vita; due dosi entro il primo anno di vita e tre dosi entro i primi 18 mesi di vita.
Il Comune di Bologna deve dunque acquisire le informazioni relative all’assolvimento dell’obbligo vaccinale da parte di tutte le famiglie i cui bambini sono già iscritti al nido e frequenteranno l’anno educativo 2017-2018. Occorre però che i genitori decidano se autorizzare il Comune ad acquisire queste informazioni direttamente dall’Azienda USL oppure se non autorizzarlo e presentare direttamente la documentazione necessaria all’Ufficio scuola del loro Quartiere di residenza. Questa scelta va comunicata compilando il modulo preparato appositamente dopo l’uscita della legge regionale sull’obbligo vaccinale per chi frequenta il nido. Il modulo si compila esclusivamente on line dall’1 al 15 marzo 2017. Per compilarlo occorre collegarsi al portale Scuole On-Line del Comune di Bologna (www.scuola.comune.bologna.it).





Le famiglie che attraverso il modulo on line autorizzeranno il Comune ad acquisire direttamente dall’AUSL i dati sul proprio bambino, non dovranno più presentare alcuna comunicazione.

Le famiglie che non autorizzeranno il Comune, dovranno richiedere agli sportelli Cup il certificato vaccinale e poi sottoporlo alla validazione della Pediatria Territoriale dell’AUSL ai fini dell’idoneità alla frequenza del nido. Una volta ottenuta questa validazione, il certificato vaccinale va presentato personalmente all’Ufficio scuola del proprio Quartiere di residenza entro l’1 settembre 2017.

 

 

 

(27 febbraio 2017)



 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*