Pubblicità
8.3 C
Bologna
9.1 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeCronaca RegioneIl Questore di Bologna chiude per dieci giorni un locale di Imola

Il Questore di Bologna chiude per dieci giorni un locale di Imola

Un locale a Imola è stato oggetto di un provvedimento del Questore della Provincia di Bologna, il quale ha disposto la sospensione delle autorizzazioni relative al pubblico esercizio per un periodo di 10 giorni. La decisione è stata presa a seguito di una serie di episodi che hanno destato l’attenzione delle autorità locali e sollevato preoccupazioni per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Nel corso degli ultimi mesi, il locale è stato teatro di episodi violenti e comportamenti disturbanti. In particolare, si segnala un caso avvenuto il 23.10.2023, in cui una lite portava ad un’aggressione con oggetti taglienti nei confronti di un cittadino extracomunitario. Un altro caso, datato 18.10.2023, vedeva l’intervento della polizia a seguito di una segnalazione di lite, con un avventore visibilmente alterato a causa dell’abuso di sostanze alcoliche.

Peraltro nella scorsa primavera si era verificato un episodio di vendita di superalcolici a minori, senza richiesta di esibizione di documenti che attestassero la maggiore età, che aveva portato al ricovero di una minore presso il Pronto Soccorso; episodio che evidenzia le gravi conseguenze di tale comportamento irresponsabile. Il Questore ha ritenuto necessario adottare una misura preventiva e cautelare per contrastare la situazione creatasi attorno al locale. La sospensione delle autorizzazioni è stata decisa al fine di garantire la sicurezza e l’ordine pubblico, considerato che i titolari del pubblico esercizio non sembrano essere in grado di gestire adeguatamente la situazione.

La chiusura temporanea del locale mira a porre rimedio alle criticità emerse, con l’obiettivo di ripristinare un ambiente sicuro per la comunità locale.

 

(24 novembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



ALTRO DA LEGGERE