Pubblicità
16.3 C
Bologna
16.8 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaIl PD scivola (ma non del tutto) anche a Malaga, poi canta...

Il PD scivola (ma non del tutto) anche a Malaga, poi canta “Bella Ciao”

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Paolo M. Minciotti

Niente. Non ce l’hanno fatto al PD a portare il Pse sulla linea della condanna dell’accordo sui migranti Meloni-Rama che tanti lutti addusse agli Achei. Il PD però si porta a casa due risultati niente male: la convention del Pse a Roma nel prossimo marzo, la quale convention indicherà il candidato alla Commissione Ue e poi la promozione dell’italiano Giacomo Filibeck a segretario generale del Partito socialista europeo.

Rispetto alla questione italo-albanese sui migranti però non si cambia copione: Elly Schlein grida alla “violazione del diritto internazionale” Provenzano a sua volta rincara la dose parlando di “violazione anche dei valori socialisti”, poi non era vero. E sarebbe bastato ascoltare Prodi da Corrado Formigli per chiamare le cose col loro nome e con semplicità: “una manovra elettorale” che non farà bene né alla presidente del Consiglio, né all’Italia e presumibilmente neanche a Rama.

Ma i giornalisti chiedono anche a Olaf Scholz e quest’ultimo ne ammazza due in un colpo solo: “Ci sarà una stretta collaborazione con i Paesi al di fuori dell’Unione europea” sulla questione migranti, perché la migrazione irregolare “deve essere drasticamente ridotta”. Si chiama presa di distanza. La pasionaria Schlein è avvertita.

 

(11 novembre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE