Pubblicità
18 C
Bologna
18.6 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeNotiziePrima la Meloni-opera su Facebook e poi le coperture: siamo al governo-fiction

Prima la Meloni-opera su Facebook e poi le coperture: siamo al governo-fiction

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giancarlo Grassi

Mentre Meloni si mette in primissimo piano in uno degli episodi della fiction social che la riguarda, con ministri di sfondo, celebrando misure risibili, con i followers da Facebook in pieno giubilo e mentre la presidente del Consiglio si esalta perché l’Italia è la nazione che cresce di più in Europa (non per merito suo, ma per le misure di Draghi) delle entrate che andranno a coprire i soldi che usciranno per le promesse non c’è traccia. Perlomeno ufficialmente.

E mentre Meloni gaudisce il Growth Summit, conferenza sulla crescita del World Economic Forum parla più o meno apertamente di recessione possibile e di misure finanziarie sui tassi che non hanno bloccato l’inflazione. E vai di fiction. Poi però toccherà vedere, molto al di là della fiction, come rendere strutturali le misure che dovevano arrivare – e non solo per pochi mesi, da luglio a dicembre – e dove si troveranno i soldi: una ventina di miliardi, mica bruscolini. Così mentre i Sindacati si mobilitano, meglio tardi che mai, e annunciano manifestazioni unitarie alle quali parteciperanno anche PD, M5S e Sinistra, ci si chiede come sia possibile che un governo riesca nello stesso giorno a pretendere di dare lezioni ai sindacati, sbugiardare la manifestazione del 1° maggio, mostrarsi sui social con un video incommentabile (perché si commenta da solo) e arrivare al pomeriggio del giorno successivo al varo di una decreto sul lavoro che la stessa Meloni ha definito storico (dando i numeri e senza presentarsi alla stampa che l’avrebbe fatta a pezzi) senza che nemmeno i suoi viceministri sappiano nulla, o quasi, del decreto che verrà.

Un disastro di impreparazione, d’imbarazzo, d’incompetenza e di superficialità. E sono stati i più poveri a votarla… Una responsabilità da fare tremare i polsi.

 

(2 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE