Pubblicità
13.9 C
Bologna
12.6 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
HomeBolognaAlma Mater e Polizia Postale Emilia Romagna firmano un accordo di collaborazione

Alma Mater e Polizia Postale Emilia Romagna firmano un accordo di collaborazione

di Redazione Bologna

Per dare ulteriore seguito al positivo e fruttuoso percorso sinergico già instaurato e consolidato con il precedente accordo stipulato nel dicembre 2017 con la Polizia Postale, il Rettore Giovanni Molari e la dirigente del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica – Polizia Postale e delle Comunicazioni per l’Emilia Romagna (C.O.S.C.) Alessandra Belardini, alla presenza del Questore di Bologna Isabella Fusiello, autorità provinciale di pubblica sicurezza, hanno siglato stamattina un protocollo d’intesa della durata di tre anni per sviluppare insieme attività che possano prevenire e contrastare attacchi informatici e fronteggiare tempestivamente situazioni di emergenza, minacce ed incidenti a danno della regolarità del funzionamento dell’infrastruttura tecnologica dell’Ateneo.

Per le proprie peculiari caratteristiche, i sistemi informatici e delle reti telematiche di supporto alle funzioni istituzionali dell’Università di Bologna si collocano fra le infrastrutture sensibili per il Paese per l’elevata estensione del sistema nel suo complesso (nelle sue diverse articolazioni che comprendono 32 Dipartimenti, 12 Centri di Ricerca e Formazione e 4 Campus dislocati in Romagna), per il prestigio dell’Istituzione che la rende un soggetto molto appetibile per tentare frodi o attacchi e per la sensibilità dei dati da tutelare (dati di ricerca, dati personali di cittadini e studenti internazionali, riferibili ad almeno n. 90.291 studentesse e studenti nonché n. 5.882 dipendenti, e dati di interesse storico, artistico e culturale).

In attuazione del principio di sicurezza partecipata, l’obiettivo della collaborazione tra l’Università di Bologna e la Polizia Postale ER è principalmente quello di condividere e analizzare tempestivamente le informazioni per prevenire e contrastare attacchi o danneggiamenti alle infrastrutture informatiche e segnalare le emergenze relative a vulnerabilità, minacce ed incidenti a danno della regolarità dei servizi di telecomunicazione. In base all’accordo, si potranno anche sviluppare attività formative congiunte sui sistemi e sulle tecnologie informatiche utilizzate, sulle procedure di intervento contro gli accessi illeciti e i fenomeni delittuosi.

Il Questore della provincia di Bologna, presente alla firma, auspica che l’intesa raggiunta  possa essere un ulteriore tassello in un contesto di relazioni sempre più stringenti con le molteplici realtà territoriali che si rendono quotidianamente protagoniste di nuove forme di sicurezza partecipata.

 

 

(20 marzo 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



ALTRO DA LEGGERE