Pubblicità
18 C
Bologna
18.6 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeL'OpinioneDunque, considerando il decreto “anti-rave”, anche la sede occupata di Casapound è...

Dunque, considerando il decreto “anti-rave”, anche la sede occupata di Casapound è abusiva?

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi

Ad avere proprio molto, ma moltissimo culo l’articolo 5 (pagina 1, Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre) del famoso decreto anti-rave che non parla di rave, ma dice tutt’altro, potrebbe addirittura servire a liberare finalmente l’edificio illegalmente occupato da neofascisti e noto come sede romana di Casapound. A usarlo per il bene comune, certo.

L’impresa – titanica non essendoci mai riuscito nessuno – potrebbe essere la mossa che fa passare alla storia il governo Meloni e renderebbe utile a tutti, non solo al bene di parte, quel decreto che legifera troppo genericamente di occupazioni abusive e raduni illegali, andando alla radice di un problema serio che vede questo paese stritolato tra chi ogni occasione è buona per fare il cazzo che vuole e una miriade di leggi, leggine, leggiucole, generalmente propagandistiche e di pochissima o nessuna utilità che alla fine in galera non ci finisce quasi nessuno – perché ad applicarle tutte si diventerebbe il paese delle prigioni.

A meno che non si dica chiaramente che Casapound là dentro è autorizzata a starci. E anche in quel caso ci vuol coraggio…

 

(4 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE