Ucraina. Sono circa 13mila i profughi arrivati in Emilia-Romagna

Ultime notizie

CONDIVIDI

di Redazione Emilia-Romagna

Alle 17 di oggi pomeriggio, secondo i dati delle Prefetture, sono 12.916 i profughi arrivati in regione dall’Ucraina, di 830 ospitati nella rete dei Centri di accoglienza straordinaria (Cas).

Nell’area metropolitana di Bologna, risultano arrivate 2399 persone di cui 274 ospiti nella rete Cas. Per quanto riguarda gli altri territori regionali: a Ferrara risultano arrivate 1156 persone di cui 66 ospiti nella rete Cas; a Forlì-Cesena risultano arrivate 670 persone, nessuno ospitato nella rete Cas; a Modena risultano arrivate 1697 persone di cui 45 ospiti nella rete Cas; a Parma risultano arrivate 729 persone di cui uno ospite nella rete Cas; a Piacenza risultano arrivate 1000 persone di cui 21 ospiti nella rete Cas; a Ravenna risultano arrivate 712 persone di cui 168 ospiti nella rete Cas; a Reggio Emilia risultano arrivate 2256 persone di cui 161 gli ospiti nella rete Cas; a Rimini risultano arrivate 2297 persone di cui 94 ospiti nella rete Cas.

Alla pagina https://salute.regione.emilia-romagna.it/emergenza-ucraina, tutte le informazioni e la documentazione per l’assistenza sanitaria dei profughi. Numerosi i documenti tradotti in ucraino.

Informazioni in lingua sono anche presenti su tutti i siti web delle Aziende Usl.

A oggi, in Emilia-Romagna sono stati rilasciati 10.981 codici STP (Straniero temporaneamente presente), che consentono l’erogazione dell’assistenza sanitaria nei confronti degli stranieri privi di permesso di soggiorno.

Prosegue la raccolta fondi promossa dalla Regione Emilia-Romagna per l’assistenza e aiuti umanitari ai profughi. Chiunque può versare – indicando con chiarezza la causale “EMERGENZA UCRAINA” – al seguente Iban: IT69G0200802435000104428964. Dall’estero, codice Bic Swift: UNCRITM1BA2. Il conto corrente è intestato all’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna.

 

(18 marzo 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata