Banda ultra-larga. Potenziati i servizi di rete a Bologna grazie a un accordo tra Lepida e MIX

Ultime notizie

CONDIVIDI

di Redazione Bologna

Mettere a disposizione degli operatori di telecomunicazione luoghi idonei e servizi neutrali che facilitino i loro investimenti e di conseguenza l’offerta rivolta a cittadini e imprese dell’Emilia-Romagna. È questo uno degli obiettivi che si è posta la Regione Emilia-Romagna e che trova compimento nell’accordo con il Milan Internet Exchange (MIX), il principale Internet Exchange Point italiano che dal 2000 fornisce servizi di interconnessione per lo scambio di traffico tra operatori di telecomunicazione.

Quando si parla di internet exchange point si fa riferimento a un punto di interscambio neutrale dove i vari operatori possono collegarsi direttamente uno all’altro per evitare salti multipli, ritardi, saturazione delle linee. Quello di Milano fornisce accesso a oltre 300 reti differenti.

L’accordo, che dà attuazione a una delibera di Giunta, prevede l’installazione di apparati informatici del MIX negli spazi individuati dalla Regione in viale Aldo Moro. Proprio in questi giorni la sede di Bologna è entrata in piena operatività. Lo sbarco di MIX in Emilia-Romagna garantirà lo sviluppo di iniziative che favoriranno la presenza di fornitori di servizi e contenuti per reti a banda larga e ultra-larga: sono già una cinquantina oggi gli operatori che gravitano sulla rete Lepida.

“L’Agenda Digitale dell’Emilia-Romagna ha l’obiettivo di favorire le azioni che consentano a imprese e cittadini di accedere a Internet con servizi a banda ultra-larga, anche mediante la collaborazione tra pubblico e privato- commenta l’assessore all’Agenda Digitale, Paola Salomoni-. L’accordo con MIX va proprio in questa direzione: mettiamo a disposizione, tramite Lepida, i luoghi idonei e le infrastrutture necessarie a realizzare data center neutrali ai quali potranno connettersi operatori di telecomunicazioni diversi, a vantaggio di imprese e cittadini”.

Migliorando, infatti, le prestazioni della rete e del traffico dati, si favorisce la crescita del mercato, e al tempo stesso il superamento del divario digitale negli insediamenti produttivi: più offerte da parte degli operatori di telecomunicazioni vuol dire maggiore possibilità di accesso a Internet per aziende e i cittadini.

Grazie a questa iniziativa si rafforza ulteriormente la collaborazione di Lepida con i diversi punti di interscambio o Internet Exchange Point italiani che vede oggi accordi anche con TOP-IX (Piemonte), VSIX (Padova) e NAMEX (Roma).

Informa un comunicato stampa della Regione Emilia Romagna.

 

(4 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata