Pubblicità
8 C
Bologna
12 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeBologna SpettacoliFesta della Liberazione nell’anno della pandemia: la voce ai migranti, da Cina...

Festa della Liberazione nell’anno della pandemia: la voce ai migranti, da Cina e Congo, Albania e Palestina nella terza puntata di Teatri di Vita

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione, #TeatridiVita

Dieci storie di “liberazione”, nel giorno della Festa della Liberazione, che fanno il giro del mondo attraversando dieci Paesi diversi, dal Congo alla Cina, dalla Palestina all’Albania. Sono i migranti nell’anno della pandemia che cambia continuamente colore e che raccontano esperienze difficili con lo scopo di una nuova vita. I protagonisti si ritroveranno nell’evento in diretta web “Migrazioni in rosso”, a cura di Teatri di Vita, domenica 25 aprile alle ore 21 (sul sito www.teatridivita.it e sui canali Facebook e YouTube di Teatri di Vita).

Si tratta della terza “inchiesta poetica” a cura di Katia Ippaso e Stefano Casi, dopo le “Adolescenze in giallo” e “Anzianità in arancione”.

Per l’occasione a Teatri di Vita si affiancano il Theater X di Berlino e l’Arka Youth Center di Scutari (Albania) con interventi video, nel quadro del progetto internazionale “MareMuro” cofinanziato da Europa Cultura dell’Unione Europea. L’evento è prodotto da Teatri di Vita, con il contributo di Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna e MiC.

“Migrazioni in rosso”, terza tappa dopo “Adolescenze in giallo” e “Anzianità in arancione”, dà voce a dieci persone migranti che raccontano la loro personale “liberazione”. Le loro storie prendono vita proprio nella giornata della Liberazione, il 25 aprile, dove la libertà storica dal nazifascismo assume molteplici significati che saranno raccontati da chi ha fatto del viaggio un motivo di liberazione. Un coro di voci che incontra i pregiudizi e le speranze, attraverso l’esperienza della pandemia in una condizione di lontananza dai propri Paesi e di “distanziamento” che spesso può diventare davvero “sociale”. Sono testimonianze, ma sono anche momenti artistici e performativi: letture, azioni, musiche, canzoni, poesie, pitture… Sono frammenti di esperienza donati da uomini e donne che vengono da Albania, Brasile, Cina, Congo, Iran, Iraq, Mali, Palestina, Perù e Romania.

Ad essi si aggiungono gli interventi performativi di Theater X, il teatro di Berlino composto da stranieri, richiedenti asilo e profughi, e dell’Arka Youth Center di Scutari.

“Migrazioni in rosso” è un progetto ideato da Andrea Adriatico e curato da Katia Ippaso, giornalista, scrittrice e drammaturga, e Stefano Casi, direttore artistico di Teatri di Vita.

La prima tappa “Adolescenze in giallo” è visibile qui: https://www.youtube.com/watch?v=YKiYHIbRmyY ;

La seconda tappa “Anzianità in arancione” è visibile qui: https://www.youtube.com/watch?v=nUfAajtKbVs.

 

Migrazioni in rosso
“inchiesta poetica” in diretta online
25 aprile 2021

 

(20 aprile 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità

LEGGI ANCHE