Home / Coronavirus / In Emilia-Romagna tamponi gratuiti per studenti e loro famigliari

In Emilia-Romagna tamponi gratuiti per studenti e loro famigliari

0Shares

di Redazione #EmiliaRomagna twitter@bolognanewsgaia #Covid19

 

L’Emilia-Romagna ancora un passo avanti al resto d’Italia, appronta due milioni di tamponi gratuiti disponibili nelle farmacie per studenti e loro famigliari. La campagna è partita nella mattinata del 19 ottobre e durerà fino a giugno 2021. Si tratta di due milioni di test sierologici (400 mila nel primo mese) ed è la prima in Italia completamente dedicata agli studenti (da 0 a 18 anni), a familiari conviventi e agli universitari, purché assistiti in Emilia-Romagna.

Lo screening gratuito e rapido si svolge in 15 minuti. Disponibilità in farmacia, già 832 quelle che hanno aderito. Prenotazione direttamente in farmacia. Aumenta in tutta la regione il numero della farmacie che aderiscono. Ogni test costa al Servizio sanitario 16,76 euro, ma per il cittadino tutto sarà gratuito.

All’accordo siglato dalla Regione con le associazioni di categoria territoriali delle farmacie convenzionate, pubbliche e private, ha già aderito quindi il 62% delle farmacie aderenti, numero destinato ad aumentare ancora visto che la campagna si concluderà a giugno 2021 e prevede la possibilità di effettuare il test più volte durante l’anno scolastico. Nelle diverse provincie, le farmacie aderenti sono quindi diventate in quella di Piacenza 69 (+4 da venerdì, il 70% del totale), in quella di Parma 87 (+10, 61%), in quella di Reggio Emilia 94 (+18, 61%), in quella di Modena 97 (+24, 48%), in quella di Bologna 203 (+49, 69%), in quella di Ferrara 57 (+8, 45%), in quella di Ravenna 92 (+33, 84%), in quella di Forlì-Cesena 75 (+6, 65%), in quella di Rimini 58 (+13, 60%).

 

Chi può fare il test e come

Posso accedere al test sierologico rapido, gratuito e volontario, tutti i bambini e ragazzi da 0 ai 18 anni e i maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore, con i loro genitori, fratelli e sorelle e gli altri familiari conviventi. Non solo, perché la Regione ha voluto includere anche un’altra fascia significativa della popolazione: gli universitari che hanno il medico di medicina generale in Emilia-Romagna.

Per effettuare il test è sufficiente prendere appuntamento con il farmacista, consultando l’elenco degli aderenti sul sito https://salute.regione.emilia-romagna.it/sierologico-farmacie, che viene costantemente aggiornato. In caso di minori, un genitore o tutore deve dare il proprio consenso ed essere presente al momento del controllo, che avverrà sempre nel rispetto di tutte le misure di sicurezza, dall’uso obbligatorio e corretto della mascherina all’igienizzazione delle mani all’ingresso, dal controllo della temperatura corporea al distanziamento.

Il farmacista registrerà sul Portale regionale delle Farmacie i dati della persona che si sottopone al test; in caso di positività, il cittadino sarà contattato dai Servizi di santità pubblica dell’Azienda sanitaria di assistenza per eseguire il tampone nasofaringeo.

 

(19 ottobre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: