Home / L'Opinione Bologna / Quando Lucia Borgonzoni e la destra votavano contro i fondi anti-violenza sulle donne

Quando Lucia Borgonzoni e la destra votavano contro i fondi anti-violenza sulle donne

di Daniele Santi #maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #nofascismi

 

Non ci voleva una gran immaginazione per capire chi e cosa fosse (politicamente parlando) Lucia Borgonzoni, al di là degli sfondoni geografici, della confusione sulla facciata delle chiese di Ferrara e Bologna, dell’inutilità del personaggio, della sua storia politica destinata all’oblio: bastava informarsi un po’ di come sono andate le cose prima del 26 gennaio in cui Borgnzoni è morta (politicamente parlando) e vedere cosa era successo in Consiglio Comunale a Bologna.

Posto che se un terremoto colpisse Palazzo D’Accursio Borgonzoni non se ne accorgerebbe nemmeno, dato che in Consiglio Comunale non c’è mai – un po’ come fa Salvini a Palazzo Madama diciamo –  il 9 dicembre 2019 l’orribile destra neofascista, razzista e sessista nota come Lega, Fratelli d’Italia uniti a Insieme per Bologna, che si è sempre insieme contro qualcosa, aveva votato contro l’approvazione della spesa e dello schema di accordo quinquennale (2020-2024) per le attività di accoglienza, ascolto e ospitalità per donne che hanno subito violenza, ovvero la messa a disposizione di 19 posti per la pronta accoglienza (17 tramite la Casa delle donne e due con l’associazione Trama di terre di Imola) e 25 posti per l’ospitalità di seconda accoglienza nelle case rifugio (di cui quattro a Imola). Per il Comune di Bologna, i fondi destinati alla casa delle donne salgono, rispetto all’accordo precedente, da 85.000 a 115.000 euro l’anno.

La candidata leghista Borgonzoni (ammesso che ci fosse), il suo partito, la segretaria di Fratelli d’Italia, il suo partito, e le altre donne delle forze politiche citate votavano contro gli aiuti alle donne. Capirete così perché non sarebbe bastato nessun restyling per rendere presentabile ciò che presentabile non era, non è mai stato né mai lo sarà, nonostante le loro grida e gli endorsement dei sovranisti che vogliono sovvertire gli equilibri mondiali.

 

(4 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*