Quando Lucia Borgonzoni e la destra votavano contro i fondi anti-violenza sulle donne

Ultime notizie

Alluvione. Cala di 57 unità il numero di persone accolte nelle strutture di protezione civile o in albergo

Continua il monitoraggio delle frane, stabile a 936 il numero dei dissesti principali. 1.573 gli operatori sul campo, considerando sia i volontari di protezione civile che il personale tecnico, amministrativo e di polizia locale messo a disposizione da Anci

Goffredo Bettini, le “sensibilità” su temi lgbti+ e i suoi mal di pancia

L'intervista dopo che la firma di Bettini, appare tra quelle in calce al documento della rete No Gpa contro la maternità surrogata chiamata, volgarmente, utero in affitto in onore a Meloni e compagnia

CONDIVIDI

di Daniele Santi #maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #nofascismi

 

Non ci voleva una gran immaginazione per capire chi e cosa fosse (politicamente parlando) Lucia Borgonzoni, al di là degli sfondoni geografici, della confusione sulla facciata delle chiese di Ferrara e Bologna, dell’inutilità del personaggio, della sua storia politica destinata all’oblio: bastava informarsi un po’ di come sono andate le cose prima del 26 gennaio in cui Borgnzoni è morta (politicamente parlando) e vedere cosa era successo in Consiglio Comunale a Bologna.

Posto che se un terremoto colpisse Palazzo D’Accursio Borgonzoni non se ne accorgerebbe nemmeno, dato che in Consiglio Comunale non c’è mai – un po’ come fa Salvini a Palazzo Madama diciamo –  il 9 dicembre 2019 l’orribile destra neofascista, razzista e sessista nota come Lega, Fratelli d’Italia uniti a Insieme per Bologna, che si è sempre insieme contro qualcosa, aveva votato contro l’approvazione della spesa e dello schema di accordo quinquennale (2020-2024) per le attività di accoglienza, ascolto e ospitalità per donne che hanno subito violenza, ovvero la messa a disposizione di 19 posti per la pronta accoglienza (17 tramite la Casa delle donne e due con l’associazione Trama di terre di Imola) e 25 posti per l’ospitalità di seconda accoglienza nelle case rifugio (di cui quattro a Imola). Per il Comune di Bologna, i fondi destinati alla casa delle donne salgono, rispetto all’accordo precedente, da 85.000 a 115.000 euro l’anno.

La candidata leghista Borgonzoni (ammesso che ci fosse), il suo partito, la segretaria di Fratelli d’Italia, il suo partito, e le altre donne delle forze politiche citate votavano contro gli aiuti alle donne. Capirete così perché non sarebbe bastato nessun restyling per rendere presentabile ciò che presentabile non era, non è mai stato né mai lo sarà, nonostante le loro grida e gli endorsement dei sovranisti che vogliono sovvertire gli equilibri mondiali.

 

(4 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata