Home / Notizie / Bologna Jazz Festival, il 24 novembre Omaggio a “Michel Petrucciani”

Bologna Jazz Festival, il 24 novembre Omaggio a “Michel Petrucciani”

di Redazione #BJF twitter@bolognanewsgaia #Spettacoli

 

Un libro illustrato su Michel Petrucciani? All’inizio ero perplesso ma poi ho riflettuto e ho pensato che fosse giusto nonché necessario. Perché Michel non è stato solo il grande pianista che tutti conosciamo ma un uomo, come pochi, che ha accompagnato perfettamente la sua Arte con la sua vita. Vita non facile ma, proprio per questo, vissuta con il trasporto e la passione di chi sa che è breve e che va addentata bramosamente come fosse una lucida mela”.

Comincia così, con le parole introduttive del jazzista Paolo Fresu, il volume “Io sono Michel Petrucciani”, graphic novel che il Bologna Jazz Festival presenta per onorare la memoria del grande pianista e compositore francese dalle origini italiane, nel ventennale della sua scomparsa.

Una celebrazione dovuta per un artista amatissimo dagli appassionati di tutto il mondo, un lavoro realizzato da Vanni Masala e Marilena Pasini per le Edizioni Curci, che ripercorre per parole e illustrazioni l’intensa e troppo breve vita di questo straordinario musicista.

La presentazione si terrà domenica 24 novembre alle ore 18 alla Cantina Bentivoglio, jazz club di via Mascarella 4/b a Bologna. Parteciperanno, oltre gli autori, il trombettista Flavio Boltro che con il pianista francese ha suonato e inciso, Alexandre Petrucciani, figlio di Michel e compositore, che sarà accompagnato dall’altro figlio di Michel, Rachid. Sarà inoltre presente il jazzista Paolo Fresu, autore dell’introduzione al libro.

Michel Petrucciani, nato a Orange nel 1962 e morto a New York nel 1999 a soli 37 anni di età, Michel Petrucciani fu colpito alla nascita dalla osteogenesi imperfetta, incidente genetico noto come “Sindrome delle ossa di cristallo”, che non gli permise di superare l’altezza di 102 cm e lo condizionò per tutta la sua esistenza, dotandolo di una fragilità fisica cui faceva da contraltare una straordinaria forza d’animo e volontà.
Bambino prodigio appassionato di jazz, a soli dieci anni comincia a dedicarsi alla musica. A 13 anni viene notato dai grandi jazzisti e due anni dopo gli vengono proposte le prime registrazioni. Da lì in poi una crescita artistica e tecnica esponenziali lo portano negli Usa, a poco più di 18 anni, dove entra nel gruppo di Charles Lloyd. Lavora e suona con Dizzy Gillespie, Wayne Shorter, Jim Hall e altri grandi del jazz, divenendo in breve tempo una stella del firmamento musicale e approdando, primo jazzista europeo, all’etichetta discografica “Blue Note”.
La sua straordinaria carriera e i tour in tutto il mondo si interrompono quando Michel scompare, lasciando un’eredità indiscutibile in termini artistici e umani, oltre a un’eccezionale lezione di coraggio.

Giornalista professionista, Vanni Masala vive e lavora a Bologna. Dal 1985 ha lavorato e collaborato per quotidiani e settimanali tra cui l’Unità, il Corriere della Sera, il Messaggero, ha diretto siti web e realizzato trasmissioni televisive, documentari e numerose pubblicazioni giornalistiche. È vicecaporedattore dell’Agenzia di Informazione della Regione Emilia-Romagna. Per passione e lavoro da oltre trent’anni scrive di jazz, anche come inviato e critico musicale. È nel comitato direttivo del Bologna Jazz Festival.

Marilena Pasini, illustratrice, vive e lavora a Roma. Dopo la maturità artistica ha frequentato l’Accademia di Belle Arti. Ha lavorato come disegnatrice di tessuti e come decoratrice di ceramiche artistiche. Inizia a pubblicare come illustratrice per bambini nel 1992. Da allora ha pubblicato con Feltrinelli, Giunti Editore, Giunti-Lisciani, Mondadori, Allemandi & C., Nuove Edizioni Romane. Come autrice per bambini ha pubblicato con Editori Riuniti, Vallecchi Editore, Sinnos, L’Acerba.

 

 

(17 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 



Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*