Home / Bologna Cronaca / Bologna: dimentica in treno il trolley con dentro una pistola, arrestato dalla Polizia di Stato

Bologna: dimentica in treno il trolley con dentro una pistola, arrestato dalla Polizia di Stato

di Redazione #Bologna twitter@bolognanewsgaia #Cronaca

 

Gli Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso il Settore Operativo Polizia Ferroviaria di Bologna Centrale, avvisati della presenza di un trolley, probabilmente dimenticato da un viaggiatore a bordo di un treno regionale che aveva terminato la sua corsa ed in sosta al binario 4 del piazzale ovest, hanno scoperto che al suo interno era custodita una pistola completa di caricatore contenente sei colpi.

Visto il tipo di abbigliamento e altri oggetti contenuti nel bagaglio, gli operatori della Polizia Ferroviaria hanno ipotizzato che il proprietario potesse essere un uomo di mezza età e si sono messi alla ricerca di tale tipologia di persona, individuandola dopo pochi minuti sul primo binario centrale. Durante le fasi del controllo il soggetto, dopo aver regolarmente consegnato ai poliziotti il proprio documento di identità, riferiva loro di aver smarrito un bagaglio, chiedendo a chi si potesse rivolgersi per ritrovarlo. L’uomo, un cinquantasettenne siciliano, è stato quindi accompagnato negli Uffici della Polizia Ferroviaria dove riconosceva il trolley come quello smarrito, elencandone, su richiesta degli operanti, il contenuto, omettendo ogni riferimento all’arma. Di fronte all’evidenza dei fatti, l’individuo ha ammesso di non avere un regolare porto d’armi e che la pistola, in origine detenuta dal padre, era solito portarla al seguito per sentirsi più sicuro.

Il predetto veniva dichiarato in arresto per porto di arma clandestina ed associato alla locale Casa Circondariale. Le indagini attualmente in corso sono orientate a risalire ai reali motivi del porto abusivo della pistola e a fare luce su eventuali collegamenti del predetto alla criminalità comune o organizzata.

 

 

(18 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*