Home / Altre Città / Venerdì 1 Febbraio al Museo della Città di Rimini, Piero Meldini presenta il suo nuovo libro: La Riminese

Venerdì 1 Febbraio al Museo della Città di Rimini, Piero Meldini presenta il suo nuovo libro: La Riminese

di Redazione #Rimini twitter@gaiaitaliacomlo #Cultura

 

“Nel libro sono raccolti venti ritratti di donne riminesi, dall’età romana alla seconda guerra mondiale” racconta l’autore. “Testi di storici illustri e di modesti cronisti locali, di grandi scrittori e di oscuri letterati, e inoltre brani da manoscritti inediti, diari privati, confessioni intime. Parlano di donne famose, a cominciare da Francesca e Isotta e di donne sconosciute, di donne realmente esistite e di donne inventate come la Saraghina di Federico Fellini. Ma tutte per qualche verso straordinarie, perché in una storiografia de viris illustribus, narrata da uomini, popolata di uomini e destinata a uomini, le donne rappresentano l’eccezione e lo scandalo, e approdano al racconto storico solo se figure esemplari, in bene o in male: se sante o peccatrici, se vittime o assassine, se vergini o puttane”.

Lontane secoli l’una dall’altra e differenti in tutto, queste venti donne sembrano tuttavia avere qualcosa in comune: un filo rosso che attraversa più di duemila anni di storia e le lega fra loro. Al lettore – alla lettrice – il piacere di scoprire qual è.

Piero Meldini, riminese, già direttore della Biblioteca Gambalunghiana, è autore di libri e saggi di storia contemporanea, storia locale e storia del cibo. Ha scritto anche cinque romanzi, i primi tre pubblicati da Adelphi e gli altri da Mondadori, tradotti in sei lingue.

In libreria ed edicola dal 24 Gennaio 2019, il libro sarà presentato Venerdì 1 Febbraio alle 17,30 c/o la Sala degli Arazzi del Museo della Città di Rimini di Via Tonini 1. Dialogherà con l’autore la giornalista Vera Bessone, durante la serata l’attrice Giorgia Penzo leggerà ed interpreterà dal vivo alcuni brani tratti dal libro.

 




 

(30 gennaio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 


 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*