Home / Notizie / La II giornata della X edizione di Some Prefer Cake: dalle 10.30 con i corti a colazione, fra cui il poetico “Non è amore questo” della regista bolognese d’adozione Teresa Sala

La II giornata della X edizione di Some Prefer Cake: dalle 10.30 con i corti a colazione, fra cui il poetico “Non è amore questo” della regista bolognese d’adozione Teresa Sala

di Redazione #SomePreferCake2018 twitter@gaiaitaliacomlo #Cinema

 

 

Coming out inaspettati, amori adolescenziali, esperienze di vecchiaia lesbica, rappresentazioni distopiche: il secondo giorno di proiezioni di Some Prefer Cake – Bologna Lesbian Film Festival si apre sabato 22 settembre dalle 10.30 con i “corti a colazione” (biglietto corti + colazione a 7 €), fra questi anche Non è amore questo (Italia  2017, 33′, fuori concorso) della regista adottiva bolognese Teresa Sala che sarà presente in sala insieme alla protagonista del documentario, Barbara Apuzzo. Il corto, in programma a conclusione del pacchetto di pellicole brevi, porta il pubblico dentro la vita di Barbara, a contatto con la sua quotidianità e intimità, raccontandoci il passato, il presente e i sogni, la vita affettiva e sessuale, il desiderio di maternità, il rapporto con la famiglia di questa donna straordinaria, affetta da una grave disabilità fisica.

Sabato sono in programma anche tre documentari di grande impatto. Alle 16.00 The passionate pursuits of Angela Bowen (Usa 2016, 73′) che rende omaggio ad Angela Bowen, attivista femminista lesbica afroamericana, scrittrice e studiosa, che si è battuta per le arti, i diritti delle donne, della comunità nera e di quella LGBT, influenzando ed ispirando un numero incredibile di persone. A seguire alle ore 18.00 lo scoppiettante Water Makes Us Wet – An Ecosexual Adventure (USA 2017, 75′) realizzato dall’attivista e performer Annie Sprinkle insieme alla compagna Elizabeth Stephens, fondatrici del movimento ecosessuale. Il documentario, presentato l’anno scorso a Documenta 14, una delle più importanti manifestazioni internazionali d’arte contemporanea europee, è un racconto poetico, allegro e curioso dei piaceri e della politica dell’H2O da una prospettiva ecosessuale. Infine alle 20.00 Silvana (Svezia 2017 – 91′), docufilm dedicato alla rapper attivista femminista svedese Silvana Imam, che ha conquistato la Svezia con le sue rime. Le tre registe seguono il percorso di successi di un’artista underground divenuta un’icona, e raccontano la sua relazione con la cantante Beatrice Eli sullo sfondo di un Paese xenofobo e ancora in parte maschilista.

In contemporanea  durante la giornata spazio anche ad incontri e dibatti. Dalle ore 11.00 nella Sala consiliare del quartiere Porto si terrà Quality, gender, sex, tv, un’occasione per parlare di female e queer gaze, ma soprattutto per mettere in comune prospettive e porre interrogativi sulla rappresentazione della sessualità e dell’intera esistenza femminile nelle serie tv. A seguire alle ore 17.00, in collaborazione con Libreria delle donne, rete Attraverso lo specchio e Uaar Bologna, Sara Garbagnoli e Massimo Prearo presenteranno La crociata <<anti-gender>>.

Infine la serata si conclude con  l’immancabile official party, dedicato quest’anno all’ecosessualità con il titolo Dance make us us wet, che si svolgerà sabato 22 settembre a partire dalle 23.30 all’Elastico Fa/ART (via dell’Arcoveggio 49, Bologna) con una lunga carrellata di donne che si alterneranno alla consolle: ad animare la serata saranno i set di Collettiva Elettronika, collettivo di dj attiviste transfemministe queer di Bologna, e di Tomboys Don’t cry, collettivo milanese attivo dal 2010, che esplora  in diverse maniera la cultura queer tra arte, attivismo e avventure notturne.

 

 

Some Prefer Cake 2018
Nuovo Cinema Nosadella
Via dello Scalo 21, Via Lodovico Berti 2/7
Bologna

 





(21 settembre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*