Pubblicità
14.1 C
Bologna
12.9 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!
Pubblicità

Alla Fondazione Magnani Rocca di Parma: “Pasini e l’Oriente”

di Gaiaitalia.com #Arte twitter@gaiaitaliacomlo #Parma     Nuovo appuntamento, interessantissimo, con l’Arte alla Fondazione Magnani Rocca di Traversetolo (PR) che presenta la mano di Alberto Pasini (Busseto 1826 – Cavoretto 1899) pittore e viaggiatore, in una una storia che contiene altre storie, dipinti come diari di viaggio, orizzonti immaginifici in cui lo spettatore può abbandonarsi intitolata ...
Pubblicità
Pubblicità
HomeCOLTACOPERTINA“Al Lavoro e alla Lotta. Le parole del PCI”, per fortuna escono...

“Al Lavoro e alla Lotta. Le parole del PCI”, per fortuna escono anche libri intelligenti

di G.G. #Libri twitter@gaiaitaliacom #Scritture

 

 

Se qualcuno si aspetta da questo libro una specie di operazione nostalgica e vetero-qualcosa, sappia che si sbaglia. Il libro “Al Lavoro e alla Lotta. Le parole del PCI”, scritto da Franca Chiaromonte e dall’ex parlamentare Fulvia Bandoli è un excursus culturale intelligente e utile che percorrendo la storia del PCI attraverso il linguaggio, si riappropria del corpo del partito e della sua storia e la snocciola grazie ad un glossario in ordine alfabetico, tutt’altro che noioso, che ci restituisce una inaspettata attualità del linguaggio che di quel corpo era espressione. Tutto, ma non la nostalgia. Piuttosto le parole dell’azione, le parole della politica e del confronto all’interno del PCI e del suo agire.

Al contrario un libro molto interessante che parla della nostra storia, anche di quella di chi comunista non è mai stato, di ciò che di veramente importante nella storia del più grande partito comunista dell’Occidente: la sua gente, e che regala ancora oggi spunti di riflessione a chi la politica oltre ad averla vissuta continua ad agirla al di là della sua collocazione personale.

Un libro che dovrebbe far riflettere profondamente coloro che si sentono così a sinistra da distruggere tutto ciò che la sinistra chiamata PCI ha fatto di buono. Che non è stato affatto poco.

Del resto è proprio la quarta di copertina a parlarci della consapevolezza che il PCI è un’esperienza conclusa grazie a piccoli dettagli come “quando passando da via Botteghe Oscure, al piano terra adesso ci trovi un supermercato”. Il libro, scritto come dicevamo da Franca Chiaromonte e Fulvia Bandoli, è in libreria per i tipi di Harpo Editore.





(29 dicembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

ALTRO DA LEGGERE