Home / Notizie / Autonomia regionale Emilia Romagna. Via al confronto, Bonaccini: “Auspichiamo una ampia condivisione”

Autonomia regionale Emilia Romagna. Via al confronto, Bonaccini: “Auspichiamo una ampia condivisione”

di Gaiaitalia.com, #Bologna

 

 

E’ partito il confronto in Assemblea legislativa sulla proposta della Giunta regionale per ottenere maggiore autonomia legislativa e amministrativa per l’Emilia-Romagna, attraverso l’applicazione della Costituzione che all’articolo 116 consente l’attribuzione alle Regioni a statuto ordinario di ulteriori “forme e condizioni particolari di autonomia” attraverso una legge dello Stato approvata a maggioranza assoluta, sulla base di un’intesa fra il Governo e la Regione interessata. Dunque, maggiori competenze per la gestione diretta e con risorse certe di materie fondamentali per crescita e sviluppo nell’ambito di quattro materie: lavoro e formazione; imprese, ricerca e sviluppo; sanità; governo del territorio e ambiente.

L’avvio oggi pomeriggio con l’illustrazione delle linee guida del progetto della Giunta alla I Commissione Bilancio, Affari generali e istituzionali da parte del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e dell’assessore al Bilancio, Organizzazione e riordino istituzionale, Emma Petitti. Nei prossimi giorni la discussione proseguirà nelle diverse commissioni consiliari, prima dell’approdo del confronto nell’Aula dell’Assemblea legislativa.

“Auspichiamo una ampia e larga condivisione della proposta che abbiamo messo in campo, anche nelle naturali differenze politiche – ha affermato il presidente Bonaccini-. Condivisione che rafforzerebbe la possibilità di completare con successo il percorso avviato. Siamo convinti e vogliamo provare a tagliare il traguardo prima che finisca la legislatura nazionale”, ha sottolineato.

Sul portale istituzionale della Regione, è on line da oggi una sezione dedicata al progetto ), con anche video, slide, documenti.

 

(14 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*