Home / Altre Città / L’azienda ferrarese che non trova operai italiani (gli stessi che maledicono gli stranieri che “rubano” il lavoro)

L’azienda ferrarese che non trova operai italiani (gli stessi che maledicono gli stranieri che “rubano” il lavoro)

di G.G.

 

 

 

Il nonno, reggiano d.o.c, commentava con battute salaci coloro che “avevano male ai gomiti”, locuzione locale per coloro che a parole non trovavano lavoro, ma che di voglia di lavorare ne avevan poca, e che non riuscivano a trovare un lavoro “adatto alle loro capacità”. E’ un triste tran tran che si ripete anche ai giorni nostri nei quali un popolo formato da artisti di pregio, ballerini di talento, cantanti straordinari, musicisti sopraffini, opportunisti da letto sfatto, cialtroni egopati e di poco conto, preferisce perdere ore e ore sperando di poter partecipare ad un talent piuttosto che trovarsi un lavoro decente.

Così che il grido di un imprenditore agricolo ferrarese pubblicato da La Nuova Ferrara assume toni da veggente: “Sono anni che cerco manodopera locale per raccogliere meloni e cocomeri nella mia azienda. Sembra incredibile ma non riesco a trovarla e così già da diverso tempo sono costretto a ricorrere a manodopera straniera”, una storia che sembra incredibile e che nasce tra una trentina di ettari coltivati a cocomeri e meloni, frutta che è abbastanza pesante. E la pesantezza stanca. Lo insegnano anche i bar. Probabilmente gli operai italiani non hanno più bisogno di lavorare perché il M5S ha promesso loro il famoso reddito di cittadinanza che non ci sarà mai, o forse sono troppo impegnati a maledire gli stranieri che “rubano” il lavoro a chi, invece, un lavoro non lo cerca nemmeno.

 



 

L’affermazione del buon imprenditore agricolo che dice: “…i lavoratori stranieri hanno fame, ovvero voglia di lavorare, questa è la verità e poi se occorre lavorare la domenica per raccogliere e confezionare i prodotti non si tirano certamente indietro. Se non ci fossero i lavoratori stranieri non riuscirei a fare andare avanti la mia azienda”, risulta essere niente più che l’ennesima stupidaggine lanciata sul web. Un po’ come dire: “Non siamo noi Italiani a non avere voglia di lavorare, sono quegli straccioni di stranieri ad averne troppa”. E poi di corsa a votare Grillo ed i suoi demenziali adepti.

Nella prima stesura di questo articolo abbiamo colpevolmente dimenticato di scrivere che l’imprenditore sottolinea che la paga erogata è conforme al contratto nazionale di lavoro della categoria.

 




 

(13 luglio 2017)

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’assessora regionale Emma Petitti incontra la vittima

di G.G., twitter@gaiaitaliacom     La vicenda è nota: una donna senegalese viene intercettata – è il termine giusto – sull’autobus da una coppia di sbandati, 19 anni lei e 22 lui, che le sottraggono il telefono. Lei se ne accorge e alle sue richieste di restituirglielo viene spintonata, pestata, buttata al suolo, presa a calci, dentro e fuori dall’autobus al grido di “Ti facciamo abortire negra di m…”, insulti e minacce ripetuti anche di fronte alle forze di Polizia. ...

Caso importato di Zika a Bologna, attivate le misure straordinarie di profilassi

di Gaiaitalia.com, #Bologna       È stato rilevato un caso importato di Zika a Bologna. Si tratta di una persona rientrata da zone tropicali che ha contratto la malattia, trasmessa da una puntura di zanzara infetta. Sono state immediatamente attivate le misure di profilassi, come previsto dallo specifico protocollo regionale: è in corso da questo pomeriggio la disinfestazione, sia nelle aree private che nelle aree pubbliche circostanti l’abitazione della persona ammalata e gli interessati sono stati istruiti sulle principali ...

Istituzione dell’Albo dei Cittadini Attivi – Volontari di Piacenza. Dal 1° settembre al 15 ottobre le iscrizioni

di Gaiaitalia.com, #Piacenza     L’Amministrazione comunale rende noto che, in attuazione del Regolamento della Partecipazione, verrà costituito a breve l’Albo dei Cittadini Attivi – Volontari. Un elenco cui dovranno essere iscritti non solo i singoli, ma anche le associazioni, le rappresentanze professionali, di categoria e organizzazioni datoriali, le scuole e le cooperative che, gratuitamente, intendano mettere a disposizione della collettività il proprio tempo e le proprie capacità, collaborando con il Comune nella gestione e manutenzione dei servizi di pubblica ...

Museo della Figurina di Modena: “Arte in tasca. calendarietti e réclame”, dal 15 settembre

di Gaiaitalia.com, #Modena     Piccoli capolavori d’Art déco tascabili. Così possono essere definiti i “calendarietti del barbiere” profumati e i lavori di illustrazione e grafica per réclame ed etichette firmati anche da artisti famosi negli anni tra le due guerre mondiali. Questi ed altri oggetti affini sono esposti e raccontati al Museo della Figurina di Modena (Palazzo Santa Margherita, corso Canalgrande 103) nella mostra che aprirà al pubblico il 15 settembre in occasione del festivalfilosofia 2017 sulle “Arti”. La ...

Rimini, nuove misure di sicurezza

di Gaiaitalia.com, #Rimini     “Il presidio e della tutela delle piazze cittadine e più in generale degli spazi pubblici e dei siti più frequentati dai cittadini e dai turisti è uno dei temi che tiene banco da quasi un paio d’anni, da quando gli attentati di Parigi del novembre 2015 hanno portato l’Italia ad innalzare le misure di sicurezza antiterrorismo. L’ultimo drammatico episodio che ha sconvolto Barcellona e il mondo, ha riacceso l’attenzione sulla necessità di sviluppare strategie e ...

La Sindaca di Codigoro annuncia ebbra che due privati hanno rinunciato ad ospitare rifugiati. Il PD tace

di Giovanna Di Rosa     Prima di inoltrarci nuovamente nel patetico racconto della profonda Emilia razzista patrocinata dalla Sindaca di Codigoro e dalle sue iniziative anti-rifugiati, ci preme sottolineare che questo quotidiano prima via email, ignorata, poi con una telefonata alle Federazione Regionale del PD, ha chiesto di poter avere il parere della dirigenza emiliano-romagnola del Partito Democratico sull’iniziativa zanardiana ricevendo in risposta il nulla e molta maleducazione da parte della gentile addetta al centralino che, mentre ci chiedeva con ...