Home / Bologna / Cinque anni dal sisma. A Bologna la giornata dei volontari e della Protezione civile, nei comuni la “Staffetta terremoto Emilia 2017”. Arrivo a Crevalcore

Cinque anni dal sisma. A Bologna la giornata dei volontari e della Protezione civile, nei comuni la “Staffetta terremoto Emilia 2017”. Arrivo a Crevalcore

di Gaiaitalia.com, Bologna

 

 

 

 

In occasione del quinto anniversario del sisma in Emilia, proseguono le iniziative nei comuni delle aree colpite dalle scosse del 20 e 29 maggio 2012.

La Protezione civile regionale e circa mille volontari (in rappresentanza degli oltre 16 mila attivi in Emilia-Romagna) saranno protagonisti domani, sabato 27 maggio, al Parco Nord di Bologna, della giornata conclusiva degli Stati generali della protezione civile stessa, nella quale è previsto anche il ringraziamento pubblico ai volontari e agli operatori intervenuti nell’emergenza del sisma dell’Italia Centrale da parte delle istituzioni. Alle 14.30 la cerimonia con il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, l’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo, i rappresentanti della Protezione civile nazionale e della Regione Marche, il commissario straordinario alla Ricostruzione in Centro Italia, Vasco Errani, il presidente regionale dell’Anci Emilia-Romagna, Daniele Manca, e i sindaci di Montegallo, Caldarola e San Severino Marche.

Nel pomeriggio prenderà il via la Staffetta terremoto Emilia 2017, manifestazione podistica non competitiva, a carattere commemorativo e di beneficenza, promossa da tutte le associazioni podistiche dei territori del “cratere” delle province di Bologna, Ferrara, Reggio Emilia e Modena. L’evento sportivo, con iscrizione a offerta libera, è aperto a tutti: il ricavato interamente devoluto al Comune di Crevalcore per il sostegno alle attività di ricostruzione in ambito sportivo. Previste 8 staffette con partenze da: Modena, Fossoli di Carpi, Medolla, Massa Finalese, Mirabello, Moglia, Sant’Agostino, San Giovanni in Persiceto, I podisti attraverseranno i centri storici di Comuni e frazioni: Bastiglia, Bomporto, Bondeno, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia, Cavezzo, Finale Emilia, Mirabello, Mirandola, Moglia, Ravarino, Novi di Modena, S. Agata Bolognese, Sant’Agostino, S. Felice, S. Giovanni in Persiceto, S. Possidonio, Soliera, Sorbara e Vigarano Mainarda. Sul sito http://www.staffettaterremotoemilia.it/ i dettagli dei percorsi e delle 8 partenze.

Nel bolognese, a Castello d’Argile, alle 10 (via del Mincio 1), è prevista l’intitolazione della Sala Polifunzionale completamente restaurata alla presenza dell’assessore regionale alla ricostruzione post-sisma, Palma Costi. La struttura sarà dedicata alla memoria di Barbara, Salvatore e Giuseppe Asta, la madre e i suoi due figli morti nel 1985 a Pizzolungo, in Sicilia, nell’attentato destinato al magistrato Carlo Palermo, e di tutte le vittime innocenti di mafia.

Tre gli appuntamenti nel modenese. A Mirandola alle 10.30 nel giardino della Scuola media “Montanari” (via Nuvolari 4) si terrà la cerimonia ufficiale di commemorazione delle vittime del sisma, con brani musicali e lettura di poesie da parte degli studenti. Sarà presente l’assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti.
Alle 18, nella Chiesa di Medolla sarà celebrata una Messa in suffragio delle vittime (in collaborazione con l’Unione Comuni Modenesi Area Nord).
A Cavezzo, dalle 17.30 a Villa Pacchioni (via Ronchi 39), la vita e le opere dello scrittore cavezzese Antonio Delfini saranno al centro dell’aperitivo letterario realizzato nell’ambito del ciclo di eventi “Dove abitano le parole”.

 

 

 

(26 maggio 2017)




 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*