Pubblicità
22 C
Bologna
23.9 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeBologna Spettacoli"Scopate sentimentali. Esercizi di sparizione", al Teatro Arena del Sole

“Scopate sentimentali. Esercizi di sparizione”, al Teatro Arena del Sole

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Tre protagonisti del panorama artistico contemporaneo insieme per uno spettacolo di parole e musica, ispirato all’opera di Pier Paolo Pasolini: sul palco l’attore, autore e regista Filippo Timi, accanto a lui Rodrigo D’Erasmo (violinista, compositore, arrangiatore e polistrumentista) e Mario Conte (musicista/sperimentatore dentro e fuori la musica elettronica) in Scopate sentimentali. Esercizi di sparizione, in scena al Teatro Arena del Sole il 24 e il 25 febbraio.

L’idea di questa creazione nasce da una chiamata del cantautore Vasco Brondi in qualità di direttore artistico della rassegna “Una disperata vitalità – Conversazioni con Pier Paolo Pasolini” tenutasi il 27 e 28 maggio 2022 a Palazzo Te a Mantova. Brondi propose a D’Erasmo e a Timi di creare qualcosa insieme. Inizialmente avevano immaginato un reading di testi pasoliniani con accompagnamento musicale, ma in poco tempo il progetto si è trasformato in un vero e proprio spettacolo, composto da testi originali di Timi, le musiche di D’Erasmo e l’elettronica di Mario Conte, coinvolto per ampliare le possibilità espressive, timbriche e armoniche dell’ambiente sonoro.

Il titolo Scopate sentimentali vuole essere «un’evoluzione dei Comizi d’amore pasoliniani» racconta Filippo Timi, mentre con il sottotitolo, Esercizi di sparizione, gli artisti mirano a dimostrare come Pasolini non potesse essere in alcun modo diverso da sé stesso: era un uomo che aveva scelto fatalmente di essere fedele al proprio daimon, ovvero a quell’insieme di vocazione, carattere e irripetibilità che ciascuno di noi riceve alla nascita.

Lo spettacolo si compone di dodici quadri suddivisi in quattro stagioni, «ma a primavera, estate e autunno segue l’inferno». Questi movimenti attraversano la biografia di Pasolini per mettere in evidenza l’azione del daimon, aldilà di ogni retorica e vittimismo e per scoprire come l’autore fosse «un poeta divorato dalle Amazzoni, attaccato dalle Erinni. Il fulmine di Zeus si è scagliato su di lui».

24 – 25 febbraio
Teatro Arena del Sole
Bologna

biglietteria@emiliaromagnateatro.com

 

 

 

(19 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE