Home / Emilia Romagna / Biblioteche dell’Emilia-Romagna, prosegue il boom dell’utilizzo dei servizi digitali per consultazioni e prestiti

Biblioteche dell’Emilia-Romagna, prosegue il boom dell’utilizzo dei servizi digitali per consultazioni e prestiti

0Shares

di Redazione #EmiliaRomagna twitter@bolognanewsgaia #Cultura

 

Con le chiusure degli spazi culturali, decretate dagli ultimi DPCM, cresce, rispetto al mese scorso, l’utilizzo dei servizi digitali delle biblioteche dell’Emilia-Romagna, che offrono l’accesso gratuito alle risorse disponibili in rete.

Si conferma il boom di accessi, consultazioni e prestiti nel corso dell’anno, e la definitiva affermazione di un servizio avviato già da alcuni anni nelle biblioteche regionali. Il confronto tra i mesi mostra un picco deciso nel periodo del lockdown, con consultazioni e prestiti quasi triplicati rispetto allo stesso periodo del 2019, ma successivamente, anche nel periodo estivo, i servizi on line sono stati utilizzati, nonostante la riapertura delle attività bibliotecarie, mantenendo comunque un incremento significativo rispetto all’analogo periodo del 2019.

I dati del mese di dicembre 2020 vedono un aumento di consultazioni e prestiti del 78,73% per la rete EmiLib rispetto allo stesso mese del 2019, e anche rispetto al mese precedente (+70,23%), e un +95,61% (+93,55% novembre 2020) per la rete bibliotecaria della Romagna, con gli accessi che vanno a +85,13% (+72,41% su novembre) per la rete emiliana e a +98,36% (+89,28% su novembre) per la rete romagnola. Gli utenti unici si attestano rispettivamente a +58,40% (+58,85% in novembre) e +59,36 (+58,91% su novembre).

“L’epidemia- sottolinea l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori– ha accelerato notevolmente il ricorso ai servizi digitali. Una strada che dobbiamo proseguire, alimentandola con creatività. Il ruolo delle biblioteche in particolare va potenziato nell’ambito della pubblica lettura, che trova sempre più estimatori anche tra i più giovani. Un compito cui certamente si dedicherà il nuovo servizio patrimonio culturale”.

Nel lungo periodo, dal 27 febbraio al 31 dicembre 2020, i dati si confermano più che raddoppiati per accessi, consultazioni e prestiti se confrontati con lo stesso periodo 2019. In particolare, per quanto riguardala rete Emilib (Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara) si registrano un +109,14% di accessi, un +94,31% di utenti unici e un +103,49% di consultazioni e prestiti, mentre per le Biblioteche della Romagna le cifre si attestano a +117,31% di accessi, +68,55% di utenti unici e +113,74% di consultazioni e prestiti.

Biblioteche digitali

EmiLib e la Rete bibliotecaria della Romagna sono basate su MLOL (Media Library On Line). Si tratta di un servizio gratuito per tutti i cittadini dell’Emilia-Romagna che permette di accedere da casa, via Internet,  a decine di migliaia di ebook di tutti i principali editori italiani, oltre 7.000 abbonamenti a quotidiani e periodici digitali da 90 paesi in 40 lingue diverse, decine di migliaia di audiolibri e risorse musicali in streaming, 1,5 milioni di risorse ad accesso aperto indicizzate e raccolte dalla più importanti istituzioni culturali del mondo (libri, video, audio, spartiti musicali, immagini, risorse per l’e-learning, periodici storici, periodici scientifici, videogiochi, ecc.

Il servizio è attivo in Emilia-Romagna attraverso due portali: EmiLib e  Rete bibliotecaria della Romagna e San Marino (per le altre province romagnole e San Marino). Per accedere a questi portali basta essere iscritti a una qualsiasi delle biblioteche civiche e pubbliche emiliano-romagnole.

 

(5 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: