HomeBologna SpettacoliIl Festival “Cuore d’Italia” di Teatri di Vita si congeda con l’anteprima...

Il Festival “Cuore d’Italia” di Teatri di Vita si congeda con l’anteprima del docufilm su Pasolini “In un futuro aprile”. Il 2 aprile

di Redazione #Bologna twitter@bolognanewsgaia #TeatridiVita

 

Non poteva che essere Pier Paolo Pasolini a chiudere il festival “Cuore d’Italia” a Teatri di Vita dopo un mese di teatro, danza, cinema, musica, arte, scrittura e incontri. Una dedica speciale attraverso l’anteprima del docufilm “In un futuro aprile” (premiato in alcuni festival in streaming per il lockdown, ma sarà distribuito solo dall’autunno), che per la prima volta a Bologna approda sul grande schermo. Il film di Francesco Costabile e Federico Savonitto ci accompagna alla scoperta del rapporto speciale che Pasolini ebbe con il Friuli e con il paese materno di Casarsa, attraverso documenti, interviste e ricostruzioni. La serata conclusiva del festival prevede anche la replica di due spettacoli teatrali: l’ormai classico, trasognato e poetico “Totò e Vicé” di Franco Scaldati nella versione diretta e interpretata da Enzo Vetrano e Stefano Randisi, e “Soli” di Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi per Ateliersi. E negli spazi del parco è ancora visibile l’installazione di “arte tessile” di Daniela Frongia. L’appuntamento è nella serata di domenica 2 agosto, a partire dalle ore 20, a Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna; tel. 333.4666333; www.teatridivita.it; app scaricabile dal sito). Il festival “Cuore d’Italia” rientra nel festival “Bologna Estate 2020” del Comune di Bologna, ed è sostenuto con il contributo della Regione Emilia Romagna e della Fondazione del Monte.

In un futuro aprile (Italia 2019, 80’), regia Francesco Costabile e Federico Savonitto, con Nico Naldini. Produzione: Altreforme, in associazione con Centro Studi Pier Paolo Pasolini, Cinemazero, Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, Kublai Film. In collaborazione con Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia; con il sostegno di: Fondo per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia, Friuli Venezia Giulia Film Commission, Fondazione Friuli Non poteva esserci una chiusura migliore e più emblematica del festival “Cuore d’Italia”: l’ultimo appuntamento è infatti un documentario dedicato a Pier Paolo Pasolini. “In un futuro aprile” ripercorre gli anni friulani del poeta e intellettuale nato a Bologna, gli anni ’40, attraverso i ricordi del novantenne cugino e scrittore Nico Naldini che con Pasolini ha condiviso quel periodo della sua vita. Durante gli anni Quaranta, infatti, il giovane Pier Paolo vive a Casarsa, il paese friulano di sua madre. In quel periodo scopre il paesaggio friulano, la lingua e le tradizioni del mondo contadino e sperimenta le prime avventure amorose con alcuni giovani del posto. Il contatto con questa realtà lo porta anche all’impegno politico nel Partito Comunista e all’esperienza dell’insegnamento scolastico. Il film ha vinto il Premio del Pubblico nell’edizione in streaming del Biografilm Festival e il Premio “Best Feature Film on Arts” e il Premio Sky Arte nell’edizione in streaming dell’Asolo Art Film Festival. Il film sarà distribuito nelle sale in autunno.

Totò e Vicé di Franco Scaldati, regia e interpretazione di Enzo Vetrano e Stefano Randisi, produzione Diablogues / Compagnia Vetrano-Randisi. Dopo aver presentato nella scorsa stagione a Teatri di Vita “Ombre folli”, Enzo Vetrano e Stefano Randisi tornano con un vero e proprio capolavoro della loro teeatrografia: “Totò e Vicé”, scritto dallo stesso autore Franco Scaldati, poeta, attore e drammaturgo palermitano. Se la complementarietà, la dialettica, il confronto, sono la forma che Vetrano e Randisi hanno scelto per esprimere la loro poetica, pare quindi inevitabile che incontrassero proprio i personaggi di Totò e Vicé, teneri, poetici e surreali clochard nati dalla fantasia di Scaldati, e che si rispecchiassero nelle loro parole, nei gesti, nei pensieri e nei giochi. Totò e Vicé sono legati da un’amicizia reciproca assoluta e vivono di frammenti di sogni che li fanno stare in bilico tra il mondo terreno e il cielo, in un tempo imprendibile tra passato e futuro, con la necessità di essere in due, per essere. Da questo piccolo grande capolavoro, Vetrano e Randisi hanno tratto nel 2017 l’omonimo film diretto da Marco Battaglia e Umberto De Paola.

Soli di e con Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi, e con Margherita Kay Budillon, Eugenia Delbue, Lorenzo Righi, Ester Silverio, musiche composte ed eseguite da Vincenzo Scorza, produzione Ateliersi. Un vecchio professore, una coppia di giovani, e la strana proposta di un ménage à trois… Uno spettacolo che racconta di scelte, anzi di necessità di una scelta, al punto da coinvolgere gli spettatori nella responsabilità. “Soli” è uno spettacolo incentrato sulla relazione tra identità e dimensione lavorativa nelle strutture sociali contemporanee e sulla capacità di compiere scelte divergenti che permettano di migliorare le condizioni di vita di altri esseri umani Cosa siamo disposti a fare per noi, per gli altri, per la società? “Soli” rielabora l’intuizione alla base di “Pensaci, Giacomino!” di Pirandello, ponendola in relazione con i materiali raccolti da Ateliersi durante un percorso di interviste, assemblee e incontri pubblici sul tema del lavoro, ma soprattutto innesta nella vicenda pirandelliana l’esperienza diretta di un incontro reale che ha cambiato per sempre lo sguardo degli autori. Lo spettacolo è la seconda tappa del percorso di approfondimento e riscrittura dell’opera di Luigi Pirandello iniziato da Ateliersi nel 2017 con “In Your Face”.

Daniela Frongia – Jana’S chiude la rassegna della “fiber art”. La sua produzione è caratterizzata da un approccio intimo con la natura e la materia; attraverso il gesto ripetitivo l’artista esplora i pieni e i vuoti per creare forme che imbastiscono dialoghi con il proprio universo interiore e il mondo che la circonda. Al Parco dei Pini realizzerà appositamente un’installazione con la tecnica della “tessitura architettonica”, attraverso l’utilizzo di fili legati e intrecciati tra gli alberi, per creare un percorso in dialogo con l’ambiente e i fruitori. L’opera esprimerà i legami sottili e invisibili che attraversano il territorio, gli intrecci e gli scambi che avvengono tra le persone che lo vivono e abitano.

 

(1 agosto 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 




RELATED ARTICLES
Pubblicità
4,734FansMi piace
2,383FollowerSegui
125IscrittiIscriviti

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: