Al via il “Festival teatrale di resistenza 2020”, Gattatico (RE) dal 7 al 25 luglio

Ultime notizie

CONDIVIDI

di Redazione #Cultura twitter@bolognanewsgaia #ReggioEmilia

 

Inaugura martedì 7 luglio negli spazi esterni di Casa Cervi a Gattatico (Reggio Emilia), nel giorno del 60° Anniversario del Morti di Reggio Emilia del 7 luglio 1960, la 19^ edizione del Festival Teatrale di Resistenza, rassegna di teatro civile contemporaneo, ideata e promossa da Istituto Alcide Cervi insieme a Cooperativa Boorea, che proseguirà sino al 25 luglio. Prossimo ai suoi vent’anni di attività e momento centrale delle iniziative dell’Istituto Cervi legate al teatro, il Festival di Teatro di Casa Cervi se si presenta quest’anno mutato sotto il profilo organizzativo per l’osservanza delle norme di contenimento del Covid-19, non lo è invece nella sua natura di Festival militante, di luogo privilegiato di osservazione del teatro di impegno civile e della Storia nelle sue trasformazioni, luogo in cui avviare nuove riflessioni intorno alle questioni che riguardano la società contemporanea.

Ricca di appuntamenti e di ospiti è la serata di inaugurazione di martedì 7 luglio che inizia alle ore 20 con la Mostra Fotografica “Tutto il mondo è un palcoscenico. Volti dell’anima di Poviglio” fotografie di Matteo Colla e Daniela Dall’Aglio, in collaborazione con i Comuni di Gattatico e Poviglio.

Alle ore 21 seguiranno i saluti istituzionali da parte di Albertina Soliani, Presidente Istituto Alcide Cervi, Giammaria Manghi, Capo Gabinetto Giunta Regionale Emilia Romagna, Annalisa Rabitti, Assessore alla Cultura del Comune di Reggio Emilia, Luca Bosi, Presidente di Boorea, Alberto Triola, Sovrintendente e Direttore Artistico La Toscanini.

A seguire La Toscanini Next – Quartetto Sax presenta “Note di Resistenza”: ad aprire il concerto dell’orchestra giovanile sarà una versione di “Fischia il vento” con sassofoni e bandoneon, al quale seguirà un programma musicale da Nino Rota, John Kander, Scott Joplin, Paul Desmond, George Gershwin, Andrea Coruzzi, Dave Brubeck, Astor Piazzolla.

Ripercorre la vita e le memorie di Liliana Segre, alle ore 22, il primo spettacolo in concorso: “SEGRE. Come il fiume” del Teatro del Krak di Ortona, scrittura scenica e regia di Antonio G. Tucci, con Alberta Cipriani. Attraverso frammenti di memoria, pezzi di vissuto e una rielaborazione teatrale della testimonianza di Liliana Segre, sopravvissuta allo sterminio dei campi di concentramento cui le leggi razziali fasciste avevano condannato lei e la sua famiglia, lo spettacolo ripercorre la Shoah e sollecita la necessità del farne memoria, elemento fondamentale per creare barriere consapevoli alle forme di razzismo e di intolleranza che ancora attraversano il nostro tempo.

Il Teatro del Krak, associazione culturale nata ad Ortona nel 1996, è un gruppo teatrale che ha prodotto spettacoli aventi come contenuto la memoria storica e culturale del proprio territorio e ha affrontato tematiche legate alle vicende politiche e sociali del Novecento.

Al termine dello spettacolo seguirà la conversazione con la Compagnia a cura di Iefte Manzotti, studioso di storia contemporanea.

Novità di questa edizione: in tutte le serate del Festival, gli spettacoli saranno preceduti dal messaggio registrato di personalità dello spettacolo e della cultura: ad aprire sarà la voce della regista palermitana Emma Dante, che ha donato al Festival una sua testimonianza di resistenza per sottolineare l’importanza del teatro nell’esplorazione di nuovi modi di condividere e dialogare, di creare appartenenza e trasmettere memoria.

La Giuria, presieduta da Maurizio Bercini (regista) e composta da Roberta Biagiarelli (autrice, attrice, regista), Stefano Campani (direttore di Boorea), Gigi Dall’Aglio (attore e regista), Damiano Pignedoli (critico teatrale) – decreterà lo spettacolo vincitore del Premio Museo Cervi – Teatro Memoria (2.000 Euro) e il secondo premio (1.000 Euro). La Premiazione avverrà il 25 luglio alle ore 22 nell’ambito della Festa della Pastasciutta Antifascista di Casa Cervi (che avrà inizio dalle ore 19.30).

Per il quarto anno il Blog “Sotto la grande quercia. Appunti dal Festival, riflessioni, interviste, approfondimenti” a cura di Raffaella Ilari, prosegue nel percorso di accompagnamento e approfondimento dei vari appuntamenti.

Il Gruppo di Lavoro del Festival di Resistenza è composto da Paola Varesi, Stefano Campani, Maurizio Bercini, Lorenzo Belardinelli, Mariangela Dosi, Raffaella Ilari, Giuseppe Romanetti, Tullio Masoni, Adriano Engelbrecht, Maria Giuseppina Bo, Nunzia Carlini.

Il Festival è ideato e promosso da Istituto Alcide Cervi insieme a Cooperativa Boorea, con il sostegno di Proges e Conad, con il patrocinio di Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, Comune di Reggio Emilia, Restate 2019, Unione Terra di Mezzo-Comune di Castelnovo di Sotto (Re), Provincia di Reggio Emilia, Comune di Parma, Provincia di Parma, Comuni di Gattatico, Campegine, Poviglio (Re), Comune di Casalmaggiore (Cr), in collaborazione con Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, ErmoColle.

 

FESTIVAL TEATRALE DI RESISTENZA 2020
Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 19ª edizione
dal 7 al 25 luglio 2020 a Casa Cervi – Gattatico (Reggio Emilia)

 

 

(5 luglio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata