HomeL'Opinione BolognaAllora come ci si sente ad essere gli appestati del mondo dopo...

Allora come ci si sente ad essere gli appestati del mondo dopo avere trattato il mondo come un lazzaretto di appestati?

AP Photo/Andrew Medichini

di Daniele Santi #Lopinione twitter@bolognanewsgaia #Politica

 

La curiosità che mi devasta è proprio questa: mi piacerebbe tanto sapere come ci si sente ad essere trattati da appestati dopo che per anni si sono trattati da appestati tutti gli altri. Il vicino, il negher, il cinese, qualsiasi immigrato, qualsiasi migrante, ogni straniero possibile, ogni sconosciuto possibile, viaggiando per altri paesi lamentandosi di cibo, paesaggi, usi e costumi troppo ignoranti per comprenderli, troppo italiani per accettarli, troppo stupidi per considerare ogni cultura una cultura pari alla nostra.

E’ davvero una amaro, ma forse inevitabile, destino: mentre ci accodiamo al Tribuno Urlatore che voleva innalzare le Alpi e chiudere le frontiere, e quel suo sbarbatello irriverente e indisciplinato del governatore del Veneto ha disubbidito, volendo fare i fatti suoi, e non riuscì ad innalzare le Alpi e a chiudere le frontiere; mentre scopriamo che i virus viaggiano con il vento e come il vento come certe flatulenze che i dementi prendono per parole, e dopo avere incolpato tutti i migranti possibili di essere portatori di tutte le malattie conosciute, ecco che scoppiano focolai di virus in mezzo mondo ed il paziente zero è quasi sempre italiano. Addirittura in Nigeria, il buon Salvini dev’essere vicino al suicidio, il primo positivo al Corona Virus del paese è un italiano.

In Nigeria con le malattie strane non ci vanno tanto per il sottile e usano anche meno perifrasi degli Italiani che non sono razzisti perché hanno tanti amici negri e non sono omofobi perché hanno uno , forse due, tre o quattro amici gay, così occorre che ambasciata e Farnesina si muovano in fretta. E certamente lo hanno già fatto.

Diventano quindi realtà i peggiori incubi di MeloniSalvini che si chiedevano cosa sarebbe successo se il coronavirus fosse arrivato in Africa, intendendo lAfrica subsahariana. Ecco, signori del prima gli italiani, il virus c’è arrivato ed è made in Italy. Così dopo i treni fermi, gli alberghi che rifiutano gli italiani, le gite sospese, Ischia che non vuole turisti da Lombardia e Veneto e poi ritira la delibera (con commento esilarante della buona Rita Dalla Chiesa che non perde occasione), insomma ditemi voi della destra sovranista e del prima gli italiani: come ci si sente ad essere trattati da appestati dopo che per anni si sono trattati da appestati tutti gli altri?

 

(28 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 




RELATED ARTICLES
Pubblicità
4,734FansMi piace
2,381FollowerSegui
125IscrittiIscriviti

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: