Home / L'Opinione Bologna / Salvini citofona ad una famiglia di tunisini: “E’ vero che qui si spaccia?”. La guasconata del Proibizionista

Salvini citofona ad una famiglia di tunisini: “E’ vero che qui si spaccia?”. La guasconata del Proibizionista

fotogramma dal video di Repubblica.it

di Giancarlo Grassi #Bologna twitter@bolognanewsgaia #Politica

 

E’ arrivata la guasconata di fine campagna elettorale con Matteo Salvini il Proibizionista che, al Pilastro di Bologna, con codazzo di giornalisti, accoliti, fan accaniti e protetto dalle forze dell’ordine, ha citofonato ad una famiglia di tunisini chiedendo se era vero che da quella casa si spacciava droga nel quartiere. Un fatto inqualificabile sul quale, dopo le contestazioni dei giovani del quartiere, del Pd e dello stesso sindaco di Bologna Merola, contro il leader leghista si è sollevata un’ondata di indignazione anche fra i deputati del Parlamento tunisino.

E’ il deputato Sami Ben Abdelaali a chiedere a Matteo Salvini scuse ufficiali nei confronti della famiglia tunisina coinvolta nel “blitz” al quartiere Pilastro di Bologna. Sottolineando, dal quotidiano Repubblica, come la sconsiderata azione di Salvini abbia “scatenato una grande protesta unita a manifestazioni di solidarietà nei confronti della famiglia tunisina e del minore citati per nome dall’ex ministro dell’Interno”.

Il deputato tunisino, che risiede a Palermo ed è sposato con una siciliana, ancora su Repubblica, dichiara che “l’attacco diffamatorio nei confronti di una famiglia di lavoratori, oltretutto sferrato da una persona che in Italia ha ricoperto incarichi di governo. Anche se un parente di questa famiglia ha avuto precedenti penali, questo non giustifica una tale campagna di odio. Chi sbaglia deve pagare, ma non possiamo tollerare il discredito sull’intera comunità tunisina che è sana e lavoratrice”.

Ecco l’immagine che Salvini regala dell’Italia all’estero. E poi ci si stupisce se si è isolati sul piano europeo ed internazionale. C’è poco da stupirsi. E’ un atteggiamento vergognoso ed inaccettabile che come cittadini, non possiamo accettare in silenzio.

 

(22 gennaio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*