Home / Copertina / Le dichiarazioni del leghista Bargi sull’Umbria: “Sconfitto il Palazzo”, sono ad uso Emilia Romagna

Le dichiarazioni del leghista Bargi sull’Umbria: “Sconfitto il Palazzo”, sono ad uso Emilia Romagna

di Redazione #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Umbria2019

 

“Dall’Umbria arriva un segnale inequivocabile: il paese reale vince contro il Palazzo”. Commenta così il successo della coalizione di centrodestra alle elezioni regionali umbre Stefano Bargi, capogruppo della Lega in Regione, dimenticandosi che la Lega è il partito più vecchio come presenza parlamentare, al pari di Forza Italia e che Fratelli d’Italia li sta già superando in vista del futuro come Salvini ha fatto con il M5S.

Poi Bargi esagera parlando di “Emilia-Romagna libera” e invitando a “segnare sul calendario la data del 26 gennaio” perché fra “novanta giorni, infatti, arriverà anche per noi il momento di far sentire la nostra voce e consegnare l’amministrazione ad una presidente che agirà per il bene dei cittadini” e bla bla bla… Fermo restando il diritto di Bargi di farsi campagna elettorale attraverso i comunicati stampa, va ricordato ai lettori – anche a quelli legaorientati – che il partito di Bargi sta in parlamento, nei palazzi e nelle istituzioni, con contorno di scandali in linea con gli scandali da Palazzo che a parole il partito verde condanna con veemenza, dal 1983 – si chiamava Liga Veneta – che il buon Bossi sta in parlamento dal 1989 – si chiamava Lega Lombarda e del Bossi conosciamo le gesta…

Per il rappresentante di un partito in parlamento, cioè nel Palazzo, dal 1983 – cioè da 36 anni! – suona tanto come maldestro tentativo di rifarsi una improbabile verginità.

 

(28 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 




Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*