In Emilia Romagna stranieri al 12,3%: tra le città la prima è Piacenza al 14,8%, seguono Parma e Modena

Ultime notizie

Alluvione. Cala di 57 unità il numero di persone accolte nelle strutture di protezione civile o in albergo

Continua il monitoraggio delle frane, stabile a 936 il numero dei dissesti principali. 1.573 gli operatori sul campo, considerando sia i volontari di protezione civile che il personale tecnico, amministrativo e di polizia locale messo a disposizione da Anci

Goffredo Bettini, le “sensibilità” su temi lgbti+ e i suoi mal di pancia

L'intervista dopo che la firma di Bettini, appare tra quelle in calce al documento della rete No Gpa contro la maternità surrogata chiamata, volgarmente, utero in affitto in onore a Meloni e compagnia

CONDIVIDI

di Redazione #EmiliaRomagna twitter@bolognanewsgaia #Migranti

 

L?Emilia Romagna, per il secondo anno consecutivo, si attesta come prima regione italiana per presenza di stranieri sul totale della popolazione con un’incidenza del 12,3%. L’Emilia Romagna supera di mezzo punto la Lombardia all’11,7% e di quasi 4 punti il dato medio nazionale che è dell’8,5%.

I dati sono riportati dal Dossier statistico immigrazione 2019, rapporto annuale che analizza il panorama migratorio a livello europeo, italiano e regionale che attesta come al primo gennaio 2019 gli stranieri in Emilia Romagna fossero 551.222, in crescita del 2,3% rispetto all’anno precedente.

Prima città per presenza di stranieri in regione è Piacenza (14,8%); seguono Parma (14,2) e Modena (13,3). Ben 170 le comunità di stranieri presenti in Emilia Romagna. La più rappresentata è la comunità rumena con il 17,3%; seguono Marocco (11,1) e Albania (10,6I in maggioranza, come per tutte le altre comunità,  formate da donne.

L’apporto economico in termini di tasse versate garantito dagli stranieri presenti in Emilia Romagna è di sia di 1 miliardo e 260 milioni di euro. I contributi previdenziali versati all’Inps ammontano a 1,5 miliardi.

 

 

(25 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata