Home / L'Opinione Bologna / A dire “Si sparassero tra di loro” mentre una bambina entrava in coma non è stato un mafioso

A dire “Si sparassero tra di loro” mentre una bambina entrava in coma non è stato un mafioso

di Giovanna Di Rosa #Lopinione twitter@bolognanewsgaia #Politica

 

A dire “Si sparassero tra di loro” mentre una bambina entrava in coma non è stato un mafioso. Non è stato un delinquente. Non è stato un uomo della strada. Non è stato un minus habens. A dichiarare “Si sparassero tra di loro” mentre una bambina entrava in coma ed era in fin di vita a causa di una pallottola vagante è stato il ministro dell’Interno del governo di questo paese, con una protervia ed un disprezzo per l’altro che dovrebbe farlo vergognare.

E invece fa vergognare noi…

A dire “Si sparassero tra di loro” mentre una bambina entrava in coma non è stato un mafioso, o un ubriacone preso da un sacco di amici più ubriachi di lui che lo incitavano a dire sconcezze, è stato un politico regolarmente eletto e quindi ministro dell’Interno di tutto un popolo, e non soltanto dei suoi elettori (quindi dell’83% del totale degli aventi diritti), che si è ubriacato sul balcone forlivese che già fu di Mussolini e che, è il racconto del Sindaco di Forlì, ha usato la sua autorità di ministro per scavalcare il regolamento comunale che vieta i comizi dal quel balcone e dirigersi ai suoi e solo ai suoi incurante di ciò che provano gli altri.

Questa non è politica. Questa è protervia. Questo è disprezzo.

A un migliaio o poco meno di chilometri di distanza una bambina di quattro anni lottava con la vita a causa di un territorio lasciato in mano alla malavita. Non contano le accuse lanciate da quello stesso ministro al Sindaco della città: le competenze relativa alla sicurezza del territorio sono del Viminale e del suo inquilino pro tempore. Tutto il resto sono slogan e perenne campagna elettorale che continua anche mentre una bambina muore. Di quella bambina il Sig. Ministro non parlerà più.

 

 

 

 

 





 

 

(7 maggio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 





 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*