Home / Cultura / A Bologna “SetUp Contemporary Art Fair 2019”, dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019

A Bologna “SetUp Contemporary Art Fair 2019”, dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019

di Redazione #Arte twitter@gaiaitaliacomlo #Bologna

 

SetUp Contemporary Art Fair annuncia la sua VII edizione dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019 con un programma ricco di sorprese e novità, nella suggestiva sede di Palazzo Pallavicini a Bologna. Nata nel 2013, la Fiera indipendente dedicata all’arte contemporanea emergente, organizzata da Simona Gavioli, torna ad animare le giornate dell’art week bolognese, contraddistinguendosi per il suo spirito frizzante e innovativo. Dopo il grande successo e il forte apprezzamento da parte di visitatori, espositori e addetti ai lavori la nuova edizione si prepara a coinvolgere un pubblico sempre più ampio.

SetUp Contemporary Art Fair 2019 presenterà un ricco programma di eventi collaterali, grandi novità e anteprime. Nella sezione OFF Projects, all’interno della fiera, verrà presentato il progetto del fotografo Luca Maria Castelli | Esegesi della libertà a cura di Maria Letizia Tega.

Nelle fotografie di Luca Maria Castelli è ritratta una Penelope moderna, che, oggi come allora, vive di contraddizioni. La donna che raffigura Castelli è libera, eppure imprigionata nel suo erotismo: è questa la tela che è per lei nel contempo una salvezza e una condanna; se nel poema Omerico Penelope esisteva soltanto in funzione di un uomo, qui è protagonista assoluta del suo racconto. Le immagini che saranno esposte nella Cappella di Palazzo Pallavicini sono parole di una sceneggiatura, semanticamente legate ma indipendenti dal punto di vista semiotico: ogni scatto è una narrazione a sé, vive di vita propria ma la lettura d’insieme descrive la forte fragilità dell’eros.

Per la prima volta in Fiera sarà allestita una sezione video con la mostra ISLANDERS curata dalla bolognese Manuela Valentini, che seguendo il fil-rouge di Itaca, ha invitato tre artisti provenienti da altrettante isole, bagnate da mari diversi. Isola come luogo in cui si è nati, come luogo da cui si è partiti e forse come luogo in cui si è destinati a tornare? Un mondo vissuto, perduto e ritrovato in grado di richiamare e suscitare tematiche e stati d’animo spesso contrastanti tra loro.

Tra i progetti, all’interno della fiera e scelti dallo staff curatoriale di SetUp, ci sarà un’opera site-specific dell’artista ravennate Caterina Morigi. Le installazioni, i video, le stampe fotografiche di Caterina Morigi guidano l’attenzione sui microscopici dettagli appartenenti alla sfera del reale; per accendere punti luminosi inaspettati, le fonti da cui attinge riguardano il passato, la storia dell’arte e l’architettura, rapportandosi al presente come un archeologo della contemporaneità.

Sempre nella sezione OFF-Projects all’interno di SetUp, Barbara Baroncini presenterà un lavoro che consiste in una video installazione con video e suono. Nel video si vedranno tante inquadrature delle sue mani, riprese dall’alto, mentre stanno arrotolando una lunga striscia di argilla posata su un prato. Durante l’azione dell’arrotolamento l’argilla fresca “trattiene” su di sé ciò che incontra lungo il cammino. Ciò che contraddistingue il lavoro è l’uso improprio del materiale: la scultura di argilla non è pensata in quanto scultura ma è usata nel processo, come parte integrante dell’azione performativa.

Tra gli eventi in fiera, sabato 2 febbraio, sarà presentata in anteprima nazionale la performance “I(m)SOLA” di Marina Visentini ed Elena Copelli, realizzata in collaborazione con Teatro Magro di Mantova, punto di riferimento del teatro sperimentale italiano, e ideata appositamente per SetUp con l’intento di raccontare l’isola come “luogo di trasformazione” (solo su invito/richiesta).

In più, un ricco programma di tavole rotonde sarà presentato dalla Fondazione Rocco Guglielmo e dal Museo Marca di Catanzaro, a cura di Simona Caramia, con alcuni esperti e personalità di spicco le quali affronteranno la questione dei confini, analizzando molteplici prospettive attraverso un approccio interdisciplinare.

Durante i giorni della Fiera saranno organizzati dei Curator-tour tra gli stand guidati da giovani curatori e delle visite guidate alla scoperta di Palazzo Pallavicini con lo storico dell’arte Nicola Zanotti.

Infine, torna anche per la VII edizione SetUp Plus, la piattaforma degli eventi attivi durante l’art week organizzata dalla Fiera con l’obiettivo di coinvolgere la città di Bologna e tutte le realtà interessate a far vivere la propria galleria, associazione, spazio espositivo con mostre e progetti. E’ possibile iscriversi a SetUp Plus fino al 10 gennaio 2019 inviando una mail a info@setupcontemporaryart.com con la descrizione del progetto, le bio degli artisti, le immagini delle opere esposte e le informazioni tecniche del luogo. La partecipazione a SetUp Plus è gratuita ed è rivolta a tutti gli eventi che saranno visitabili a Bologna dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019.

 




 

(20 gennaio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 


 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*