Pubblicità
9 C
Bologna
16 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeNotizieFesta di San Michele a Ravenna: per Sinistra Italiana "consenso comprato", il...

Festa di San Michele a Ravenna: per Sinistra Italiana “consenso comprato”, il comunicato stampa

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Gaiaitalia.com, #Ravenna

 

 

Da Sinistra Italiana riceviamo questo comunicato stampa relativo alla Festa di San Michele di Bagnacavallo (RA) ed alle sponsorizzazoni in essere.

Lo pubblichiamo integralmente di seguito.

 

Tra pochi giorni prenderà il via, a Bagnacavallo, la famosa festa di San Michele. Apprendiamo senza grande stupore che lo sponsor dell’evento clou della festa, ovvero il concertone di sabato 30 settembre, sarà la PADANA ENERGIA (gruppo Gas Plus).

Per chi non ne fosse a conoscenza, la PADANA ENERGIA, è la società che da qui a breve, inizierà a trivellare il nostro territorio per estrarre una piccola quantità di metano con grossi danni per tutta la comunità. Pare davvero di fare un salto all’indietro nel tempo, quando nell’antica Roma, con un tozzo di pane ed uno spettacolo di gladiatori al Colosseo, si teneva sottomessa l’intera plebe.

Noi crediamo che nel 2017 le persone, con un minimo di senso civico, non siano più disposte a barattare la propria incolumità e i propri beni comuni in cambio di briciole come spettacoli musicali o casse di laminazione, crediamo che queste “operazioni simpatia” non funzioneranno, sulla questione delle trivellazioni non calerà il silenzio.

Sinistra Italiana da tempo denuncia la pericolosità e l’inutilità delle trivellazioni, i benefici pari a zero come per il territorio e ha smontato più volte le menzogne sui milioni di euro in royalties che dovrebbero arrivare. Noi giudichiamo questa sponsorizzazione scandalosa e vergognosa.




 

(27 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

LEGGI ANCHE