Pubblicità
8.5 C
Bologna
12.2 C
Roma
PubblicitàAcquista i giubbotti Canadians Classics sul sito ufficiale!

EMILIA-ROMAGNA

PubblicitàFlixbus
Pubblicità

BOLOGNA SPETTACOLI

Pubblicità
Pubblicità
HomeEmilia RomagnaEmilia Romagna, prorogato al 31 dicembre 2017 il protocollo per il sostegno...

Emilia Romagna, prorogato al 31 dicembre 2017 il protocollo per il sostegno al reddito dei lavoratori in cassa integrazione

GAIAITALIA.COM BOLOGNA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Gaiaitalia.com, #Bologna

 

 

È stato prorogato al 31 dicembre 2017 il protocollo che ha l’obiettivo di ridurre il disagio dei lavoratori che beneficiano di ammortizzatori sociali a causa del tempo che intercorre fra la sospensione dal lavoro in azienda e l’erogazione dei trattamenti da parte dell’Inps. In questo modo, le banche anticipano a costo zero e a tasso zero quanto dovuto dall’Inps stesso.

“Grazie al rinnovato impegno di tutti i firmatari– afferma l’assessore alle Attività produttive, Palma Costi – è con soddisfazione che possiamo offrire ancora una volta uno strumento vantaggioso, si tratta infatti del protocollo più avanzato applicato in Italia, che permette di accompagnare i lavoratori che si trovano in aziende in fase di transizione, garantendo loro il reddito”. Per ottenere il sostegno è necessaria la richiesta del lavoratore attraverso un’apertura di credito in un conto corrente presso una delle banche disponibili. Questo l’esito dell’incontro che si è tenuto nel pomeriggio del 18 luglio presso la Regione Emilia Romagna.

Dieci gli istituti di credito interessati. Nel dettaglio: BPER Banca Popolare ER, Cassa di Risparmio Cesena, Sanfelice 1893 Banca Popolare Scpa, Banca di Piacenza, UniCredit, Fed. Banche Credito Cooperativo, Cassa di Risparmio di Ravenna e Banca di Imola, Banca Carim Spa, Cassa di Risparmio di Cento, Carisbo e Cariromagna (Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna), Banca Interprovinciale.





(19 luglio 2017)

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE