Home / Comune di Bologna / Bologna, via libera dal Consiglio comunale al nuovo Regolamento comunale dei nidi d’infanzia

Bologna, via libera dal Consiglio comunale al nuovo Regolamento comunale dei nidi d’infanzia

di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

Nella seduta di oggi il Consiglio comunale ha approvato due delibere.

La prima riguarda il riconoscimento di un debito fuori bilancio di 10.000 euro a seguito della sentenza definitiva del Consiglio di Stato. La delibera è stata approvata con 20 voti favorevoli (Partito Democratico), 8 contrari (Movimento 5Stelle, Lega nord, Forza Italia e Insieme Bologna) e 1 astenuto (Coalizione civica). L’Aula ha successivamente approvato l’immediata esecutività dell’atto con la medesima votazione.

La seconda delibera contiene il nuovo Regolamento comunale dei nidi d’infanzia ed è stata approvata con 21 voti favorevoli (Partito Democratico), 12 astenuti (Movimento 5Stelle, Lega Nord, Forza Italia, Insieme Bologna, Coalizione civica) e nessun voto contrario. In fase di presentazione, la vicesindaco e assessore alla scuola Marilena Pillati ha accolto nel testo del Regolamento una proposta di modifica avanzata dal consigliere Francesco Sassone (Forza Italia) che è entrata a far parte del documento definitivo approvato in aula. La modifica riguarda l’articolo 5 sui criteri di ordinamento delle domande di iscrizione: nella tabella di attribuzione dei punteggi per i carichi familiari, alla lettera A2, la frase “Nucleo con un solo genitore convivente con il bambino, che non rientra nel punto A1, in condizione di separazione/divorzio e di affido esclusivo del bambino da sentenza” è stata sostituita con la frase “Nucleo con un solo genitore convivente con il bambino, che non rientra nel punto A1, titolare di affido esclusivo del bambino a seguito di provvedimento dell’autorità giudiziaria anche non definitivo”, formulazione che esplicita in modo più chiaro quanto già contenuto in sostanza nella precedente versione.



 

(27 marzo 2017)

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata



 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*