Il 3 dicembre il concerto “Extra Voices – Voci fuori dal Coro”

0
193

di Pa.M.M.

Torna l’annuale concerto di raccolta fondi di Komos – Coro Lgbtqia+ di Bologna in occasione del World AIDS Day. Il progetto ControCanto dal titolo “Extra Voices, voci fuori dal coro” si inserisce nel quadro del Patto di Collaborazione siglato con il Comune di Bologna e si terrà sabato 3 dicembre 2022, ore 21, presso l’Auditorium TPer, a Bologna in via di Saliceto 3.

Un evento molto più che canoro: un vero e proprio spettacolo tra musica e testimonianza, attivismo e comicità, per mettere al centro le vite, i corpi, le storie. Ai momenti canori di coro e ospiti, infatti, si alterneranno monologhi e interventi che porteranno sul palco la verità di chi costruisce la propria identità nell’intersezione di più vettori: HIV, queerness, attivismo, performatività.

Daphne Bohémien (performer, drag, attivista trans e sieropositiva) e Alberto Poloni (conduttore radio e attivista politico) condurranno la serata; sul palco si avvicenderanno  Gennaro Cosmo Parlato, LaLa McCallan, Luca Gallo, nonché lə attivistə di Plus e Cassero Salute, che porteranno in scena originali interventi performativi. E, ovviamente, il coro Komos. Proprio Plus e Cassero Salute saranno beneficiarie della raccolta di donazioni della serata: non semplici destinatarie della raccolta benefica, ma protagoniste della serata come lo sono, ogni giorno, della lotta contro AIDS e per la rimozione dello stigma verso HIV.

Il concerto di Coro Komos sarà anche l’occasione per lanciare il Festival Internazionale di Cori Lgbtqia+ Various Voices che proprio il coro di Bologna ha portato in Italia presentando, in partenariato con il Comune di Bologna, la proposta vincitrice in occasione dell’ultima edizione del 2018 a Monaco di Baviera. Per la prima volta dalla nascita del Festival nel 1985, Various Voices arriverà quindi in Italia, a Bologna, dal 14 al 18 giugno 2023. Sono attesə più di 3500 coristə per 108 cori provenienti da 20 stati da tutta Europa e dagli Stati Uniti. Per la prima volta in assoluto parteciperanno cori anche del Sudafrica e della Nuova Zelanda.

Saranno protagonisti del Festival anche due cori ucraini, tra cui il coro Queer Essence di Kharkiv, città gemellata con Bologna che ha inviato un video accompagnato da questo messaggio: “Currently, the situation in our home city Kharkiv is unsafe, as it is in the whole Ukraine. Our choir members are now spread all over the Europe, while they were forced to leave our country, and some of us are still in Ukraine. We are gratefull for your support, it means a lot for us! We will be happy if our voices are heard by as many people as possible. We are getting ready and looking forward to meet you all in Bologna next year!” (Attualmente, la situazione nella nostra città natale Kharkiv non è sicura, come in tutta l’Ucraina. I membri del coro sono ora sparsi in tutta Europa, costretti a lasciare il nostro paese, e alcuni di noi sono ancora in Ucraina. Siamo grati per il vostro supporto, significa molto per noi! Siamo felici che le nostre voci possano essere ascoltate da quante più persone possibile. Ci stiamo preparando e non vediamo l’ora di incontrarvi tutti a Bologna il prossimo anno!)

Durante i 5 giorni di Various Voices, i cori si esibiranno in diversi teatri cittadini, in varie location di Bologna per concerti outdoor e all’interno del Village allestito presso Dumbo. Il 16 giugno si terrà il Gran Galà del Festival, un grande spettacolo tra musica, cinema e danza organizzato con il Comune e la Cineteca di Bologna in Piazza Maggiore. A condurre e ad esibirsi durante la serata sarà anche Senhit, artista italo-eritrea nata e cresciuta a Bologna. La più internazionale delle artiste italiane che unisce le radici africane a un’anima cosmopolita che l’ha portata a collaborare con producer del calibro di Benny Benassi e Steve Aoki e a portare in finale San Marino all’Eurovision Song Contest insieme a Flo Rida.

“Various Voices sarà una grande festa collettiva e un’occasione imperdibile di visibilità nazionale e internazionale per Bologna, la sua cultura e la sua tradizione di città inclusiva e accogliente” commenta Nicola Mainardi, direttore del Festival “Sarà anche un’opportunità importante per le aziende e i commercianti della città che speriamo rispondano alla chiamata di Various Voices e ci aiutino a sostenere il progetto”.

Per sostenere il Festival è stato anche attivato un crowdfunding che servirà a coprire i costi di accoglienza dei cori provenienti da contesti socio-culturali ed economici maggiormente svantaggiati, tra cui i cori ucraini: https://www.gofundme.com/f/support-choirs-at-the-various-voices-festival. Partner del Festival sono il Comune di Bologna, l’Assessorato alle Pari opportunità del Comune di Bologna, Bologna Convention Bureau, Cineteca di Bologna, Dumbo, Planning, Housatonic, Cromatica. Various Voices ha ottenuto il patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Bologna.

 

(1 dicembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui