Bologna, ordinanze di custodia cautelare della Polizia di Stato a carico di un intero nucleo familiare ritenuto gravemente indiziato di aver sequestrato e ridotto in servitù una ragazza serba di 22 anni

0
210

di Redazione, #Bologna

Nella giornata di ieri, nell’ambito di un’attività coordinata dalla Procura della Repubblica di Bologna (PM dott. Roberto Ceroni), personale della Squadra Mobile della Questura di Bologna ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un intero nucleo familiare, composto da 4 persone, ritenuto gravemente indiziato di aver sequestrato e ridotto in servitù una ragazza serba di 22 anni, attirata in Italia sotto la falsa promessa di matrimonio.

L’attività investigativa ha preso avvio il 1 febbraio c.a., allorquando gli agenti della Squadra Mobile apprendevano del ricovero presso uno dei Pronto Soccorso cittadini di una ragazza ivi giunta in ambulanza dopo l’assunzione volontaria di una non ben definita sostanza chimica, poi risultata essere detersivo. La giovane dichiarava che l’estremo gesto era stato dettato dalla volontà di sottrarsi alla condizione di servitù in cui l’avevano costretta, una volta giunta in Italia, il suo fidanzato, unitamente alla madre, al fratello e al compagno della donna*. La ragazza era stata attirata in Italia con la falsa promessa di matrimonio e dall’attività investigativa è emerso un desolante quadro di vessazioni ed angherie perpetrate ai danni della ragazza dall’intero nucleo familiare residente in Pianoro Vecchio (BO), al fine di avviarla alla prostituzione e all’accattonaggio.

In particolare, la giovane ragazza, al suo arrivo, era stata subito privata del passaporto e del telefono e costretta ad eseguire tutti i lavori domestici, nonché a subire costanti maltrattamenti, sfocianti in percosse con calci e pugni, con annesse denigrazioni ed umiliazioni. Le era inoltre impedito di uscire di casa – controllata costantemente anche quando si recava al bagno – ed anticipato sin da subito la sua imminente destinazione al meretricio ed all’accattonaggio al fine di restituire il debito di 400,00 euro contratto per raggiungere l’Italia.

Il GIP, riconosciuto il grave quadro indiziario, ha dunque disposto la traduzione in carcere per tutti gli indagati.

* M. C. nato in Romania il 10/12/1984; B. F. nata in Kosovo il 24/03/1984; M. R. nato a Bologna il 27/02/1999; M. M. nato a Bologna il 16/06/2001.

 

(7 maggio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui